Ingegneria e Beni culturali. I nuovi direttori

Lecce. Eletti Giampaolo Ghiani e Mario Lombardo. Resteranno in carica fino al 2016

LECCE – Eletti i direttori di Dipartimento per i settori di Ingegneria e Beni culturali. Resteranno in carica per il quadriennio 2012/2016. Si tratta del professor Gianpaolo Ghiani per Ingegneria (settori ICAR, ING-IND e ING-INF) e del professor Mario Lombardo per Beni culturali (settori L/ANT e L/ART).

Gianpaolo Ghiani

Gianpaolo Ghiani, 44 anni, nato a Napoli, è professore ordinario di “Ricerca operativa” all’Università del Salento, dove insegna “Business Intelligence”. Laureato in Ingegneria Elettronica nel 1993, ottiene il titolo di dottore di ricerca in Ingegneria Elettronica ed Informatica presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” nel 1998. Lo stesso anno ha ricevuto il prestigioso premio Transportation Science Dissertation Award dall’associazione USA di Ricerca Operativa e Management Science (Institute for Operations Resarch and Management Science, INFORMS). Nel 1998-99 è stato postdoctoral a Montreal (Canada) presso il GERAD (Groupe d’Etudes et de Recherche en Analyse des Decisions). Tornato in Italia, ha tenuto corsi ufficiali e integrativi presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, l’Università degli Studi di Lecce, l’Università della Calabria, l’Università degli Studi di Brescia e l’Università di Verona. Diventa professore di II fascia nel 2002 e professore ordinario nel 2006, divenendo poi presidente del Consiglio Didattico del Corso di Laurea Specialistica/Magistrale in Ingegneria Gestionale dell’Università del Salento. La sua attività di ricerca abbraccia due settori: la risoluzione di problemi di ottimizzazione discreta e la pianificazione e controllo dei sistemi logistici. I suoi articoli scientifici sono stati pubblicati su prestigiose riviste internazionali. È membro degli editorial board delle riviste internazionali “Computers and Operations Research” e “4OR”. È co-autore del libro di testo “Introduction to Logistics Systems Planning and Control” (Wiley, New York, 2003), adottato in decine di Università europee, americane e asiatiche, e del volume “Modelli e metodi per le decisioni in condizioni di incertezza e rischio” pubblicato da Mc-Graw Hill Italia nel 2009. I suoi attuali interessi di ricerca comprendono, tra l’altro: metodi euristici “model-based” per problemi di ottimizzazione discreta; algoritmi di routing per navigatori satellitari “fuel-efficient”.

Mario Lombardo

Mario Lombardo ha studiato alla Scuola Normale di Pisa, dove è diventato professore associato di Epigrafia e Antichità greche nel 1982. Dal 1994 è professore ordinario di Storia ed Epigrafia Greca presso l’Ateneo salentino. Dal 2002 è anche professore di Epigrafia e Antichità Greche presso la Scuola Archeologica Italiana di Atene. Dal 1997 al 2002 e poi ancora dal 2009 a oggi è stato direttore del Dipartimento di Beni Culturali e, dal 2006 al 2009, vicepresidente del Nucleo di Valutazione dell’Ateneo salentino. È stato coordinatore nazionale di tre PRIN (Progetti di Ricerca di Interesse Nazionale: 1999, 2003, 2006) su tematiche relative alla colonizzazione greca e responsabile della progettazione e realizzazione del Museo storico-archeologico dell’Università di Lecce (MUSA), di cui è attualmente direttore. Ha pubblicato oltre 100 contributi scientifici sulle colonie greche dell’Italia Meridionale, della Sicilia e dell’Adriatico, sui popoli indigeni dell’Italia antica (Messapi, Enotri, Lucani, Brettii), sulle iscrizioni greche e messapiche e sulle tradizioni storiografiche greche e romane. Ha curato numerosi volumi con gli Atti di Convegni scientifici Internazionali, come quelli annuali di Taranto sulla Magna Grecia del cui Comitato scientifico è Presidente. È membro del Comitato Scientifico di alcune riviste e collane editoriali, italiane e internazionali, e, dal 2010, vicepresidente dell’Istituto per la Storia e l’Archeologia della Magna Grecia.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati