Paolo Perrone, una grande prova di forza

Lecce. Il sindaco uscente conquista l'83,6% dei voti alle primarie del centrodestra. Paolo Pagliaro il 14%. Luigi Rizzo 2,4%

Plebiscito su Paolo Perrone. Intorno alla mezzanotte di ieri, il sindaco era presso l'hotel Tiziano, raggiunto anche da sua madre e dalla compagna, per il suo primo discorso da neocandidato: ringraziamenti agli elettori, ringraziamento ai due sfidanti, apertura a tutte le forze del centrodestra (riferimento ad Adriana Poli Bortone), avvertimento al centrosinistra sulla grande forza dimostrata (17.400 votanti alle primarie del centrodestra contro 7.800 registrati per la sfida tra Capone, Salvemini e Sansonetti). Gli oltre 14.300 consensi per Perrone non rappresentano soltanto una schiacciante vittoria del sindaco uscente contro i due avversari auto-candidati alla carica di sindaco di Lecce ma anche alcune altre cose: 1) quando il gioco si fa duro il PDL inizia a giocare duro e schiera compatto il suo esercito di “big”. Tutti i grandi nomi del Popolo delle libertà sono stati per diverse ore nella giornata di ieri presso l'hotel Tiziano: strette di mano, telefonate, sorrisi alle migliaia di votanti. Tutti schierati al fianco di Perrone. Da Raffaele Fitto ad Alfredo Mantovano, ai parlamentari, consiglieri regionali, assessori provinciali e comunali, leader dei territori. Tutti, lealmente a lavorare per il sindaco, fittiani e mantovaniani uno accanto all'altro. 2) già solo con questa base di partenza di consensi, Paolo Perrone mostra di essere in netto vantaggio su Loredana Capone. Alla sfidante ora il compito di elaborare con gli alleati una credibile proposta politica per sovvertire le forze in campo. 3) i movimenti dell'ultim'ora, leggi “regione Salento” di Paolo Pagliaro, non sempre si tramutano in consensi, nonostante il martellante battage pubblicitario sulla televisione e sui 6×3 cittadini.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati