Amministrative. In campo Mep

Lecce. L’annuncio di Antonio Buccoliero e Paolo de Santis: ‘Serve avvicendamento amministrativo’

LECCE – “Abbiamo un solido programma politico per la città e intendiamo proporci ad un elettorato maturo che ben comprende la necessità di un cambiamento che assicuri l’alternanza democratica alla guida del capoluogo salentino”. Parola del consigliere regionale Antonio Buccoliero e del segretario provinciale Paolo De Santis, che hanno così ufficialmente comunicato la decisione dell’impegno dei Moderati e Popolari nella città di Lecce. “Crediamo che l’impegno in politica – ha aggiunto De Santis – debba bandire per un po’ di tempo le divisioni classiche tra centro-destra e centro-sinistra ed occuparsi, specie ai livelli amministrativi più prossimi al cittadino, dei bisogni concreti della città e dei suoi amministrati. Il nostro impegno non sarà al fianco dell’amministrazione uscente non per le persone che la rappresentano, sicuramente stimate, ma per le modalità di espletamento del modello organizzativo del potere civico che non ha entusiasmato i leccesi e, soprattutto è sembrato assente per buona parte della consiliatura. A questo si aggiunga la necessità di assicurare un normale avvicendamento delle compagini di governo che garantiscano un potere più prossimo all’idea di servizio che non di controllo della dinamiche del consenso”. “La città e la sua guida – ha concluso Buccoliero – dovrà impegnarsi ad affrontare soprattutto i temi della socialità, in un clima di trasparenza dell’azione amministrativa, che inerisca temi cari ai bisogni più impellenti del cittadino (casa, mobilità, asili nido, ammortizzatori sociali, rappresentanza, sicurezza) lontani dai poteri forti che a mio parere hanno condizionato il cammino amministrativo della città”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!