Strada Squinzano-Casalabate. Rampino propone un odg

Lecce. Il consigliere del Pd chiede di inserire l'intervento di messa in sicurezza dell’arteria nella programmazione triennale dei lavori pubblici

LECCE – Il prossimo Consiglio provinciale discuta la messa in sicurezza della strada provinciale n.100, la Squinzano-Masseria Cerrate-Casalabate. Lo chiede il consigliere provinciale del Pd Alfonso Rampino che nelle scorse ore ha presentato una richiesta di ordine del giorno al presidente del Consiglio provinciale. Rampino ricorda come la strada in questione, per la sua posizione strategica, ricopra una fondamentale importanza in quanto conduce sulle rive dell’Adriatico gran parte dei residenti a Squinzano e Campi Salentina nonché i residenti nel Comune di Trepuzzi, sopportando una gran mole di traffico, soprattutto nel periodo estivo. L’arteria inoltre rappresenta lo sbocco della superstrada Lecce-Brindisi per le località marine di Casalabate e Torre Rinalda ed è la direttrice principale da cui partire per collegare versanti adriatico e jonico. Oggi la strada risulta particolarmente pericolosa, per la presenza di un tratto composto da ripetute curve al quale segue un tratto rettilineo in cui la carreggiata è stretta, con conseguente pericoloso per gli automobilisti. Tra l’altro, presto l’Abbazia di Cerrate verrà proiettata in un circuito turistico-culturale internazionale ed anche la strada si dovrà preparare ad accogliere una mole di traffico finora sconosciuto. Rampino chiede quindi alla Provincia di inserire nella programmazione triennale dei lavori pubblici l’intervento di realizzazione dei lavori di messa in sicurezza Sp 100.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!