Alla Bit il workshop ‘La Puglia a vele spiegate’

Milano. L’incontro è previsto per oggi nello “Spazio Puglia”. Capone: “Per la nautica da diporto pugliese grandi opportunità sui mercati esteri”

MILANO – La nautica da diporto è per la Puglia un settore economico colmo di opportunità e con un potenziale di sviluppo unico nel suo genere. A questo tema è legata la presenza dell’assessorato allo Sviluppo economico alla Bit, la Borsa Internazionale del Turismo in programma a Fiera Milano Rho da ieri al 19 febbraio. L’evento organizzato grazie al supporto operativo dello Sprint Puglia (Sportello regionale per l’internazionalizzazione delle imprese) con il coordinamento del servizio Internazionalizzazione, si intitola “La Puglia a vele spiegate” ed ha tra i suoi protagonisti il Distretto produttivo della Nautica da Diporto in Puglia, l’aggregazione, riconosciuta in via definitiva dalla Regione Puglia, che riunisce imprese associazioni, sindacati, enti, università e centri di ricerca. Il workshop si svolgerà oggi alle ore 16,30 nello “Spazio Puglia” (Hall 1, Stand B01 – E10) e sarà introdotto da Vincenzo Caforio, Segretario del Distretto, che tratterà il tema “Il mare da sogno – Il sistema dei porti turistici pugliesi per vivere e amare la Puglia”. Seguirà l’intervento di Alfredo Malcarne, Presidente dell’Assonautica regionale, dedicato all’accoglienza dei diportisti. Si occuperà invece di arte, storia, cultura, paesaggio e tradizione enogastronomica visti come una straordinaria opportunità per il turista venuto dal mare, l’intervento di Giancarlo Piccirillo, direttore dell’agenzia regionale Pugliapromozione. Seguirà il dibattito, mentre le conclusioni saranno affidate al presidente del Distretto produttivo della Nautica da Diporto in Puglia Giuseppe Danese. “Questa presenza nella prestigiosa cornice della BIT – ha detto la vicepresidente della Regione Puglia e assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone – è un’occasione imperdibile di promozione per un settore che proprio in Puglia ha un grande potenziale di sviluppo sia per l’industria delle imbarcazioni, sia per il turismo. Nei primi nove mesi del 2011 il valore delle esportazioni del comparto nautico ha superato i 3,15 milioni di euro, un risultato importante che tuttavia può ulteriormente crescere, se tutti insieme sapremo presentarci con prodotti e soluzioni innovative sui mercati esteri. La Regione Puglia continuerà ad accompagnare le imprese perché sfruttino anche in questo settore le opportunità delle migliori vetrine nazionali ed estere”. Per il presidente del Distretto della Nautica Giuseppe Danese “La Puglia è destinataria ormai di un turismo da diporto d’eccellenza. La missione del Distretto è quella di interfacciare il turismo nautico con il turismo territoriale tradizionale per far sì che i nostri porti diventino “porte” d’accesso alla Puglia. Il Distretto della Nautica da Diporto è il pioniere in Italia di questa relazione che punta a collegare le barche in arrivo con alberghi, ristoranti, guide e ogni altro servizio utile al turista. In questo comparto vogliamo diventare una vera eccellenza italiana”. // I numeri del Distretto Il Distretto produttivo della nautica da diporto in Puglia riunisce 133 imprese; 7 enti e istituzioni locali, 7 enti di ricerca e formazione, l’Università del Salento, 3 organizzazioni sindacali, 6 organizzazioni imprenditoriali, 2 associazioni del settore. Si pone l’obiettivo di elaborare strategie per la crescita della competitività delle imprese e per avviare percorsi di innovazione dei processi produttivi e delle strategie di marketing. Tra le priorità individuate nel programma, una migliore collocazione delle imprese sui mercati nazionali e internazionali attraverso l’internazionalizzazione. L’altro versante sul quale il Distretto concentra la sua azione è quello della portualità turistica e del turismo nautico. Lo spostamento verso Sud del diportismo nazionale e internazionale apre alla Puglia nuove opportunità per sviluppare questo importante settore della sua economia. Per questo il Distretto è impegnato a realizzare un sistema della portualità turistica che abbia come specificità un elevato standard dei servizi; una piattaforma tecnologica che comprenda il portale del Distretto e che realizzi un innovativo sistema di comunicazione; un’articolata integrazione con il turismo territoriale che trasformi tutti i porti e gli approdi pugliesi in altrettante porte di accesso alle bellezze culturali, storiche, archeologiche e paesaggistiche della Regione e alle sue eccellenze enogastronomiche. Il Distretto Produttivo della Nautica da Diporto in Puglia ha ottenuto il riconoscimento definitivo dalla Giunta regionale a marzo del 2010.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati