Botte ai genitori per comprare la droga. In carcere 21enne

San Cesario. Per trovare il denaro era disposto a tutto. Ieri l’arresto, in seguito all’ennesima denuncia dei familiari

SAN CESARIO – E’ stato arrestato su richiesta del gip di Lecce e il suo allontanamento da casa ha permesso ai genitori, ormai stremati, di tirare un sospiro di sollievo. Un giovanissimo, J.M, 21 anni, di San Cesario, ieri mattina è stato condotto presso il carcere di Lecce con l’accusa di estorsione e maltrattamenti nei confronti dei familiari. L’arresto costituisce l’epilogo di una triste vicenda, maturata in un contesto familiare con allo sfondo il drammatico problema della dipendenza dagli stupefacenti, iniziata già nel 2009. Entrambi i genitori hanno più volte denunciato ai carabinieri episodi di maltrattamenti fisici subiti da parte del ragazzo il quale, in preda a crisi di astinenza, non risparmiava neppure la violenza fisica, pur di ottenere il denaro necessario a procurarsi la droga. Dopo i primi interventi dei carabinieri, la situazione sembrava essersi normalizzata; il giovane, tra l’altro, da alcuni mesi era in cura presso il Sert. Ma già dagli ultimi mesi dello scorso anno, gli episodi sono tornati a verificarsi, anche con una certa frequenza, tanto che i genitori non hanno potuto più sopportarli. I nuovi riscontri dei militari, che si sono serviti anche delle informazioni fornite dal Centro Antiviolenza e dai Servizi Sociali, hanno permesso di cristallizzare ulteriormente il pericolosissimo clima familiare. Gli elementi raccolti, analizzati ed elaborati dalla Procura di Lecce (pm Francesca Miglietta), hanno consentito di avanzare in tempi rapidissimi una richiesta di ordinanza di custodia cautelare che – eseguita ieri mattina durante una perquisizione domiciliare che ha portato al rinvenimento di alcune dosi di eroina – ha certamente interrotto una situazione che sarebbe potuta sfociare in atti ancora più gravi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!