Nuovi ulivi per colorare di verde la città

Porto Cesareo. Dopo quelli di Torre Lapillo, il Comune pianterà altri alberi a Porto Cesareo. Tutti donati dalla ditta Spagnolo di Carmiano

PORTO CESAREO – Verranno posizionati presso l’aiuola spartitraffico collocata nelle vicinanze della statua di Padre Pio, a Porto Cesareo. Serviranno a dare maggior decoro all’arredo urbano della marina. Continuano a sorgere, a Porto Cesareo, dei “nuovi” ulivi. Dopo quelli destinati al centro di Torre Lapillo – 30 piante donate dalla ditta Giovanni Spagnolo di Carmiano – nuovi ulivi adorneranno una zona completamente priva di piantumazione. Gli ulivi, anche in questo caso donati dalla ditta Spagnolo, verranno collocati in modo da non creare disagio ai passanti a causa della caduta dei frutti. Grande soddisfazione dall’assessore Antonio Greco, delegato all’arredo urbano. “Non posso fare altro che ringraziare Spagnolo per la sua donazione, che risulta graditissima al nostro Comune. Infatti grazie ai suoi ulivi è stato possibile sostituire a Torre Lapillo le palme devastate dall’azione del coleottero, mentre a Porto Cesareo imprimere un volto nuovo in una zona completamente sguarnita di verde, grazie anche a delle piante che si addicono perfettamente al nostro paesaggio mediterraneo. Prendendo spunto ora da questa mirabile iniziativa – ha aggiunto – il nostro Comune cercherà di continuare nell’azione di piantumazione dell’intera cittadina. Rendere il nostro paesaggio migliore è un nostro preciso volere, nel rispetto sia della popolazione cesarina, sia di tutti i turisti che ogni anno scelgono la nostra marina come meta per le loro vacanza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!