Misure urgenti per l’edilizia. La proposta di legge va avanti

Bari. E’ stata approvata in Commissione urbanistica la proposta di legge regionale

L’iter di approvazione della proposta di legge regionale “Misure straordinarie ed urgenti a sostegno dell’attività edilizia e per il miglioramento della qualità del patrimonio edilizio residenziale” va avanti. La proposta di nuova legge, che porta la firma del gruppo Udc, è passata con voto unanime e contiene modifiche alla legge numero 14 del 2009. Apprezzamento è stato espresso per l’impegno del presidente della V Commissione Donato Pentassuglia che ha annunciato per l’8 febbraio la relazione dell’assessore all’Urbanistica sulle problematiche legate alla governance del settore. In tal modo si potrà avviare un dibattito su proposte di riforma del sistema gerarchico e sulla funzionalità del comparto che – come ha sottolineato il presidente del gruppo Udc Salvatore Negro – “reclama risposte univoche e tempi certi”. “Si avverte – ha continuato il capogruppo Udc – l’esigenza di una riforma della governance del comparto urbanistico perché i cittadini non riescono a comprendere l’eccessiva burocratizzazione del settore che rappresenta un freno per l’economia e rischia di far perdere importanti finanziamenti pubblici e privati, vitali in un territorio come il nostro dove in un momento come quello attuale la priorità della politica deve essere quella di favorire l’apertura di cantieri e sviluppare occasioni occupazionali per i giovani e le famiglie senza lavoro”. “Come Gruppo Udc non chiediamo una deregulation normativa – ha continuato Salvatore Negro – ma siamo per il funzionamento dell’Ente e quindi chiediamo decisioni certe in tempi certi per fornire ai cittadini e alle imprese utenti un servizio adeguato alle esigenze della società moderna. Per questo appare quanto mai urgente e necessaria una riforma della governance dell’intero comparto e delle strutture e degli uffici regionali in modo tale da coniugare l’efficienza, la tempestività delle risposte e la sincronia e l’omogeneità dei comportamenti nelle valutazioni delle istanze che vengono dal territorio, avendo come bussola sempre la tutela del paesaggio e dell’ambiente”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!