Donne al volante, meglio degli uomini

Lo asserisce uno studio britannico basato sui filmati di un gestore di autosili

Lo asserisce uno studio britannico, basato sui filmati della società di gestione di autosili NCP, che ha controllato per un mese oltre 2.500 conducenti mentre si posteggiavano. E i risultati sono sbalorditivi: le donne trovano più facilmente posteggio perché guidano più lentamente, mentre gli uomini vanno troppo veloci e non si accorgono dei posti disponibili. Le donne risultano anche migliori nelle manovre di parcheggio. Il 39% delle donne parcheggia in retromarcia, come insegnano alla scuola guida, mentre tra gli uomini è solo il 28% a farlo. Tra il gentil sesso, ben il 52% si posiziona esattamente al centro del posto auto, mentre tra gli uomini la percentuale scende al 25%. L'unica differenza per la quale il sesso forte può ancora ritenersi tale è quello del tempo necessario per parcheggiare: 16 secondi in media per gli uomini, 21 secondi per le donne. Secondo Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” il celeberrimo motto “Donna al volante, pericolo costante” che vuole etichettare la guidatrice come un’automobilista dalla scarsa perizia, è solo una leggenda metropolitana e dopo questo studio forse può essere definito anacronistico.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!