Un banco alimentare per le famiglie bisognose

Minervino. Il Comune ha impegnato 2mila euro per i cittadini in condizione di disagio

MINERVINO – Parte a Minervino il progetto “Banco Alimentare” rivolto a circa 100 famiglie bisognose del paese e delle frazioni, 50 ogni sei mesi. Ad aderire all'iniziativa è stata l'altro giorno dall'amministrazione comunale guidata dal sindaco Ettore Caroppo, su proposta del consigliere comunale Fredy Cursano condivisa insieme all'assessore al ramo Giuseppe Foscarini e all’associazione di Banco delle Opere di Carità Puglia “Boc” di Alessano. La giunta minervinese ha approvato una delibera impegnando 2mila euro a favore di quei cittadini che versano in grave stato di disagio economico, segnalati di volta in volta dall’assistente sociale, Laura Pastore, o su formale richiesta degli interessati. “Siamo pienamente soddisfatti dell’attività di questi giorni, che ha visto le famiglie che ne hanno fatto richiesta ed altre individuate dal Servizio sociale del Comune, accostarsi a questo servizio in maniera discreta e collaborativa – dice l'assessore Foscarini. Devo anche ringraziare coloro che hanno saputo dire no alla somministrazione delle derrate riconoscendo in altri situazioni più gravi e bisognose delle loro, segno di maturità e rispetto per il prossimo”. Il sindaco Caroppo spiega: “Ci siamo resi conto nel tempo che il Piano sociale di Zona di Poggiardo non sia in grado di soddisfare ed andare realmente incontro alle necessità del territorio, e quindi abbiamo deciso di fare da noi. Questo gesto aiuterà le famiglie bisognose ad avere un minimo supporto che di questi tempi diventa importantissimo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!