Avance omosessuali. Sei mesi allo stalker

Lecce. Condannato un 34enne leccese; vittima uno studente 21enne di Altamura

LECCE – Sei mesi di reclusione per il 34enne leccese accusato di stalking nei confronti di un 21enne di Altamura, studente nel capoluogo salentino. I fatti risalgono all’aprile 2010, ed in particolare a quello che è stato considerato il culmine della storia, ovvero l’aggressione subita dal 21enne ad opera del 34enne nei pressi di Porto Napoli. In quell’occasione il ragazzo di Altamura fu costretto a richiedere l’intervento degli agenti di polizia. Ma, come si diceva, quello sarebbe stato solo l’ennesimo episodio ed il più violento di tutti. Perché numerosi sono stati quelli riferiti agli agenti, quando il giovane si è deciso a sporgere denuncia nei confronti del suo aggressore, costituendosi anche parte civile nel processo con gli avvocati Antonio e Stefania Sergi. Moltissimi sms anche di contenuto violento; ripetuti appostamenti nei luoghi da quello frequentati ed una corte estrema che non lasciava respiro, tanto da fargli assumere decisione drastiche per la sua vita, come l’abbandono degli studi ed il trasferimento nel Comune di residenza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!