La bellezza di piangere

Sono cresciuto in un mondo dove l'uomo non puo' piangere, non puo' essere se stesso, deve essere uno sempre sicuro, coraggioso, uno che non deve chiedere mai. Duro nella vita, nelle difficolta', in famiglia, duro anche quando ti portano via la figlia, e duro anche con mia figlia nel poco tempo che il giudice ci concede. Poi ho capito che questo forse era stupido, forse anche l'uomo oltre che la donna poteva avere dei sentimenti, un'aspettativa di vita, diritti e desideri di famiglia, sensibilita', debolezze, incertezze. Stasera per la prima volta ho voluto dire a mia figlia mentre la riportavo a casa di sua madre, che mi sarebbe mancata, e mi si sono bagnati gli occhi. Poi ho pianto. Mia figlia, 10 anni, da sempre vive in questo crepaccio nero che ci tiene lontani e che si chiama divorzio, si e' avvicinata, mi ha toccato la nuca e dato una carezza. Una cosa piccolissima, ma per me la piu' grande del mondo. Ho capito ora, che se non avessi mai mostrato il mio pianto lei non avrebbe mai mostrato il suo amore. Per 8 anni ho pianto solo dentro me stesso, o nel buio di una stanza, da solo. Se piangere vuol dire essere deboli o malati, vorro' d'ora in poi essere il primo dei fragili, un malato senza speranza, ma senza speranza e' la societa' dove a noi uomini non e' concesso essere stanchi, deboli o fragili. Io pero' nella societa' ci voglio credere ancora perche' un giorno ci vivra' mia figlia e voglio che questa societa' sia diversa, aperta per accettare gli uomini come persone normali, umane, con pregi e difetti, uomini che piangano con la naturalezza con la quale si stringe una mano, uomini franchi e dagli occhi belli senza piu' doverli coprire, senza mai piu' doversi nascondere o vergognare di essere se stessi. [email protected], giovane padre

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!