Bando rifiuti. Oggi l’apertura buste

Casarano. Oggi l’apertura delle offerte del bando da quasi due milioni. Dell’altro bando per il servizio tributi non si hanno notizie

CASARANO – Saranno aperte oggi, salvo sorprese dell’ultimora, le buste delle offerte per il bando per rinnovare il servizio di raccolta dei rifiuti nel Comune di Casarano. Scadeva ieri infatti il bando da 1.985.380,50 euro (esclusa Iva), per l'assegnazione del servizio dei rifiuti solidi urbani, il primo dal 1994 a essere direttamente gestito dall'amministrazione civica. Non sappiamo quante buste siano giunte a Palazzo, ma vi daremo notizia nelle prossime ore. Un altro bando di cui si è persa traccia è quello per il servizio dei tributi(leggi qui la ricostrizione della storia). Bocche cucite a palazzo dei Domenicani e sull’albo pretorio non sono state pubblicate notizie, se non uno slittamento nella data delle aperture delle buste, prevista per metà dicembre. Ma di quell’apertura non è stata data notizia. Torniamo al bando dei rifiuti, che è stato pubblicato il 12 dicembre, in giorno prima che fosse nominato il nuovo commissario prefettizio. Il dirigente Francesco Longo, per prepararsi all’attuazione del bando, ha nominato nei giorni scorsi due consulenti con un incarico da 2.500 euro l’uno: un ingegnere e un avvocato che assistano il dirigente nella procedura. Il rup, responsabile unico del procedimento del bando rifiuti però, è il geometra Alessandro Astore, dipendente comunale, che infatti firma tutti i documenti di gara. Non è chiaro perciò perché non sia il rup, il responsabile del procedimento, a nominare i consulenti, ma lo faccia il dirigente, che sul bando non ha titolo. L'ex commissario prefettizio, Giovanni D'Onofrio, ha stabilito la durata per un solo anno che decorrerà dal primo giorno del mese successivo alla stipula del contratto. Sarà il prossimo sindaco della città, tra un anno, a decidere se proporre un contratto pluriennale. L'aggiudicazione avverrà in favore del massimo ribasso percentuale sull'importo totale del servizio a base d'asta. Tra le novità del capitolato d'appalto da segnalare l'obiettivo minimo di raccolta differenziata. L'impresa aggiudicataria dell'appalto, infatti, dovrà impegnarsi, rilasciando un'apposita dichiarazione, a raggiungere almeno il 25% di raccolta differenziata. Viene, inoltre, ripristinata la giornata del sabato per la raccolta porta a porta dell'umido. Il capitolato d'appalto elenca in modo analitico tutti i servizi previsti dal contratto e i giorni previsti per l'intervento. Tra i principali servizi la raccolta porta a porta dell'indifferenziata per tre volte a settimana (lunedì, mercoledì, sabato); il calendario della raccolta differenziata prevede: carta ogni 15 giorni (giovedì); plastica una volta a settimana (martedì); vetro ogni 15 giorni (giovedì); alluminio una volta a settimana (venerdì).

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!