Stagione di prosa. Si riparte con ‘L’Abissina’

Lecce. Il ritorno di Isa Danieli segna l’avvio del Cartellone dell’Amministrazione e del Tpp

LECCE – Con il ritorno di Isa Danieli, interprete tra le più apprezzate del panorama teatrale italiano con frequenti incursioni nel cinema e nelle fiction, riparte la stagione di prosa del Teatro Paisiello di Lecce a cura di Carla Guido che firma il cartellone per l’Amministrazione comunale di Lecce e il Teatro Pubblico Pugliese. Oggi e domani alle ore 21.00 la compagnia fiorentina Arca Azzurra per la regia di Ugo Chiti, già apprezzata in più occasioni nelle passate stagioni, presenta con “L’Abissina paesaggio con figure”, uno spaccato di vita contadina sospeso tra cupezza e comicità. Un viaggio nei primi anni del Novecento, all’origine della nostra storia la cui eco si riverbera fino agli anni della cronaca più recente. Paesaggio con figure è la prima pietra di quell’edificio drammaturgico che Ugo Chiti ha costruito intorno alla sua Arca Azzurra per raccontare attraverso il microcosmo rurale toscano un paesaggio ben più vasto, quello della storia del nostro intero paese nel corso di tutto il secolo scorso fino ad approdare a questi anni 2000. Non è un caso che tale testo, messo in scena la prima volta dalla compagnia nel 1993, abbia trovato in Isa Danieli un interesse così forte da suggerirne il riallestimento che vedesse la grande attrice napoletana al centro della vicenda, a suo modo “verghiana”, del balletto tragicomico intorno al vecchio despota Lucesio che, in un’agonia continuamente interrotta, sempre sull’orlo della morte da tutti invocata, è alla ricerca di un erede degno della sua “roba”, in un crescendo parossistico di nascite mostruose. // “L’Abissina. Paesaggio con figure” testo e regia Ugo Chiti con Barbara Enrichi e Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci e con Lorenzo Carmagnini, Andrea Corti, Giulia Rupi, Cristina Torrisi scene Daniele Spisa; costumi: Giuliana Colzi; luci: Marco Messeri musica originale e adattamento: Vanni Cassori e Jonathan Chiti; produzione: Arca Azzurra Teatro e ErreTiTeatro30

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!