Maltempo in Puglia. Lisi: ‘Ne discuta il Parlamento’

Roma. Il deputato del Pdl si è detto disponibile a portare a Roma le esigenze dei Comuni pugliesi danneggiati

ROMA – “Si apra un dibattito istituzionale sui danni causati in Puglia dal maltempo e si prevedano in breve tempo soluzioni per i cittadini pugliesi”. Ugo Lisi, deputato del Pdl, esorta la politica a prendere in considerazione gli effetti che il maltempo ha avuto sulle comunità pugliesi. “Devono essere messi immediatamente al centro di un dibattito parlamentare che preveda soluzioni veloci e rapide – ha dichiarato – in grado di rispondere alle esigenze delle comunità colpite”. Così Lisi si è detto disponibile ad attivarsi, assieme con i coordinatori regionali del Pdl Francesco Amoruso e Antonio Distaso, per farsi portavoce delle esigenze del territorio nelle sedi istituzionali, “nella consapevolezza – ha aggiunto – che il momento di difficoltà economica in cui versano i cittadini pugliesi non consente l’aumento delle tasse regionali da indirizzare al ristoro di chi ha subito danni”. Tocca ai Comuni, dunque, ed in particolare alle amministrazioni comunali danneggiate, quantificare i danni; punto di partenza necessario per chiedere interventi mirati ed immediatamente spendibili. “Siamo certi – ha aggiunto il parlamentare – che, come accaduto per altri territori italiani, ci sarà pari attenzione da parte del Governo. In ciò è molto importante che i rappresentanti istituzionali facciano sentire la loro voce all’unisono, senza divisioni di sorta e senza eccessivi campanilismi che farebbero correre il rischio di non vedere premiate le legittime attese di quei comuni che più di altri sono stati oggettivamente colpiti”. Articolo correlato: Maltempo di marzo 2011. Vendola commissario per l’emergenza

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!