Rinnovabili. Minervino premiato a Napoli

Napoli. Motivazione: “E’ uno dei piccoli Comuni italiani più attivi nel sensibilizzare i cittadini sul risparmio energetico e l’utilizzo delle fonti alternative”

NAPOLI – Primo tra le “Eccellenze della Sostenibilità Energetica” del Sud Italia. Minervino di Lecce si conferma comune virtuoso e riceve a Napoli, dopo il premio a Bari da Legambiente, un riconoscimento della Fondazione Simone Cesaretti e dell’Università Phartenope. A ritirarlo è stato nei giorni scorsi il sindaco Ettore Caroppo durante il Forum nazionale “Echi del 2 aprile, La sfida energetica alla sostenibilità del benessere” tenutosi presso il plesso monumentale di Villa Doria D’Angri a Napoli. Motivazione? “Il Comune Minervino di Lecce – si legge – è uno dei piccoli Comuni italiani più attivi nel sensibilizzare i propri cittadini sull’importanza del risparmio energetico e l’utilizzo delle fonti alternative”. Caroppo commosso ha ricevuto come premio una vera e propria opera d’arte contemporanea, piena di significati simbolici: due lastre di cristallo trasparenti in equilibrio su una base portano incisi i quattro pilasti che rappresentano il capitale umano, sociale, naturale e fisico, poggiati in bilico su una curva che tocca il sole che sta all’orizzonte. In basso il profilo di un giovane, Simone Cesaretti, che guarda verso un futuro pieno di luce e di stelle. “Mi auguro – ha detto il sindaco – che i miei concittadini sappiano far tesoro delle conquiste fatte in questi anni dall’amministrazione che mi onoro di aver rappresentato sapendo scegliere l’amministrazione che dovrà sostituire l’attuale tra non molto tempo. A loro dedico questo premio, ringraziando il professor Giampaolo Cesaretti, l’Università Parthenope e quanti della Fondazione e non solo, hanno voluto la nostra presenza in questo evento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!