Una piazza per il re del caffè

GUARDA I VIDEO. Domenica scorsa si è tenuta la manifestazione di intitolazione della piazzetta antistante Porta Rudiae a Lecce, alla memoria di Gaetano Quarta

Lecce ha tributato domenica scorsa il suo doveroso omaggio a don Nino Quarta, fondatore della Quarta caffè Spa. Oltre ad essere un marchio di successo, il caffè Quarta è una vera e propria istituzione nel Salento, un'azienda “ambasciatrice” della migliore qualità imprenditoriale del nostro territorio. Per questo ha raccolto unanime consenso la scelta del Comune di Lecce e della Prefettura di accogliere la proposta di intitolare una strada a don Nino Quarta portata avanti da un comitato spontaneo di suoi estimatori ed amici personali, tra i quali il Dott. Tommaso Borgia e l'ex Prefetto di Lecce Carlo Schilardi. Gaetano Quarta, da tutti conosciuto come “Nino”, ha creato un impero sui chicchi di caffè e su uno stile di gestione aziendale da pater familiae. Nominato Cavaliere del lavoro, Quarta ha avuto il grande merito di far conoscere il Salento in tutto il mondo, molti decenni prima dell'attuale esplosione turistica. Il “re del caffè” scomparve nel 2003 all'età di 76 anni presso il suo stabilimento, mentre era al lavoro con una delegazione di visitatori stranieri. Oggi la stessa azienda è gestita dal figlio Antonio con la stessa meticolosità e capacità di innovazione nel solco della tradizione. Don Nino Quarta – lo ha ricordato il figlio Antonio nel corso della cerimonia – parlava di “collaboratori” e non di “dipendenti”: un legame forte, quasi familiare, con il suo gruppo di lavoro. Gaetano fa presidente del Consorzio Torrefattori Italia, come Antonio è stato recentemente riconfermato alla guida dei produttori di caffè. Altra caratteristica che accomuna padre e figlio è l'attenzione per l'ambiente: fu don Nino a dotare la sua fabbrica di moderni filtri per l'abbattimento dei fumi e di macchinari per il compostaggio e il riutilizzo degli scarti di lavorazione in agricoltura, e a scegliere la carta riciclata per gli imballaggi. Antonio, ha continuato anche in questo ambito l'intuizione paterna, potenziando queste scelte di rispetto ambientale e rendendo la fabbrica autonoma da un punto di vista energetico grazie alla produzione eolica e fotovoltaica. Da oggi, dunque, ai piedi di un monumento simbolico e suggestivo come Porta Rudiae, è esposta la targa che intitola a Gaetano Quarta questa centrale piazzetta. 18 dicembre 2011 Una piazza per il re del caffè LECCE – E' stata intitolata alla memoria di Gaetano Quarta, meglio conosciuto come “il re del caffè”, scomparso all’età di 76 anni nell’ottobre del 2003, la piazzetta antistante porta Rudiae. Alla cerimonia ha partecipato un grandissimo numero di autorità e semplici cittadini. Tanti anche i collaboratori della S.p.a Quarta Caffè.

antonio quarta

Hanno tenuto brevi e commossi discorsi il sindaco di Lecce Paolo Perrone, il prefetto Giuliana Perrotta, il prefetto consigliere di Stato Carlo Schilardi (amico personale di don Nino Quarta) e della vice presidente della Regione Puglia Loredana Capone. Ha concluso naturalmente Antonio Quarta, titolare dell’omonima azienda e figlio di Gaetano. Ha allietato l'evento il Quintetto d’Archi del Salento. Per l'occasione verrà realizzato un ano filatelico da parte delle Poste Italiane.

quartetto musica violino orchestra

14/12/2011 Una piazza per don Nino Quarta LECCE – Da domenica prossima si chiamerà piazza Gaetano Quarta cavaliere del lavoro. Piazza di Porta Rudiae cambia nome e lo fa per assumere quello, storico, di don Nino Quarta, il re del caffè, patron dell’azienda Quarta caffè, scomparso nel 2003 all’età di 76 anni. Per il Salento e non solo per la città di Lecce, Quarta è stato un uomo che ha saputo coniugare grande intuito imprenditoriale a professionale a serietà ed onestà intellettuale. Il suo percorso professionale è rimasto ad esempio di tutte le generazioni di imprenditori che sono venuti dopo di lui. Il suo merito è aver portato il Salento al di fuori dei suoi confini ed aver contribuito ad esportare ed a far conoscere la cultura e la terra salentina anche all'estero. Grande la soddisfazione e la riconoscenza verso la città di Lecce da parte della famiglia Quarta. La cerimonia ufficiale di intitolazione si terrà alle 11 di domenica 18 dicembre e si svolgerà sulle note del Quintetto d’archi di Stefano Biro. Per l’occasione sarà presente un punto di Poste italiane con l’ano commemorativo e sarà inoltre distribuito il libro “La quarta porta” edito da Congedo. Tutti i collaboratori, i clienti e gli estimatori di Quarta Caffè e di don Nino in particolare sono invitati a partecipare all’evento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!