Al 7° piano e pronto a calarsi. Arrestato ‘Lupin’ leccese

Lecce. In carcere Antonio Manisco. Nello zaino carrucole, corde, piede di porco e guanti in lattice

LECCE – La sua intenzione era, probabilmente, quella di calarsi dalla terrazza in un appartamento utilizzando una corda. Ma Antonio Manisco, 47enne leccese, sorvegliato speciale, non è riuscito nel suo intento. La telefonata di un residente nella palazzina di via Tito Mininni 16 al 113 ha messo subito in moto l’intervento della Polizia. Che infatti è arrivata sul luogo indicato a bordo di un’auto e di una moto. Il malvivente, dopo aver parcheggiato la propria Yamaha Why, era entrato nella palazzine ed aveva raggiunto il terrazzo in ascensore, cercando di nascondersi tra due porticine, sfruttando il favore del buio. Ma è servito a poco, perché gli agenti l’hanno puntato con la torcia invitandolo più volte ad uscire, fino a che il 47enne non ha alzato le braccia consegnandosi. Nello zaino che aveva con sé stato ritrovato tutto il necessario per compiere un furto, carrucole, corde, moschettoni, guanti di pelle e in lattice, un piede di porco nascosto in una custodia di ombrello, e un mazzo di sei chiavi. La perquisizione è proseguita anche nella moto, dove, sotto la sella, erano nascosti altri guanti in lattice e sette mazzi di chiavi. Manisco è stato così condotto presso la casa circondariale di Lecce per violazione degli obblighi della sorveglianza speciale, tentato furto in appartamento e possesso ingiustificato di oggetti atti allo scasso. E’ difeso dall'avvocato Roberto Rella.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!