Campionati Italiani Youth: la BeBoxe risponde presente

Angelo Perrone e Giuseppe Carafa della BeBoxe parteciperanno alle finali dei campionati italiani Youth 2011 a Grosseto.Intanto la società apre un'altra sede a Gallipoli.

Ennesimo weekend sul ring per i ragazzi della BeBoxe di Copertino impegnati alle fasi finali dei Campionati Italiani Youth 2011 a Grosseto. La manifestazione in terra toscana, riservata ai pugili di età compresa tra i 17 e i 18 anni, vedrà mettere i guantoni ad Angelo Perrone kg 46 di Taviano e Giuseppe Carafa kg 56 di Ugento. I giovani e promettenti atleti di maestro Francesco Stifani gareggeranno in un contesto dove saranno presenti i migliori boxeur Youth del panorama nazionale. Il palcoscenico sarà quello del Palazzetto dello Sport di Via Austria, grazie all’organizzazione della Fight Gym Grosseto, la collaborazione della Maremma Boxe, con il patrocinio della Regione Toscana e il fondamentale ausilio del Panathlon International e della US Acli. La competizione sarà inoltre supervisionata dall’occhio attento di Raffaele Bergamasco, Responsabile Tecnico della Nazionale Italiana Elite. Le gesta sportive delle finali di domenica – in cui verranno decretati i 10 Campioni Italiani Youth del 2011 – saranno trasmesse dalle telecamere di Rai Sport. Ai vincitori delle finali verrà consegnata l’ambita maglia tricolore e la possibilità di far parte della Squadra Azzurra Youth, guidata dal tecnico federale Maurizio Stecca che sarà presente ai campionati in qualità di osservatore del torneo. Intanto, nei giorni scorsi la BeBoxe di Copertino ha aperto una sede distaccata all’interno della Body Center in Via Catania, 9 a Gallipoli. Un avvenimento che certifica come il piccolo grande centro pugilistico abbia la costante volontà di espandersi e di promuovere il pugilato anche in riva allo Ionio

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!