Scacco alla Scu, 11 arresti per droga e porto illegale di armi

Brindisi. L’organizzazione criminale avrebbe provveduto a smistare ingenti quantitativi di cocaina, hashish ed eroina albanese nelle province di Brindisi e Lecce

BRINDISI – Alle prime luci dell’alba di oggi, la Divisione investigativa antimafia di Lecce e Bari, ha dato esecuzione a undici ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettante persone residenti in provincia di Brindisi. Su tutti, la pesante accusa, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata all'illecita detenzione e vendita di sostanze stupefacenti, spaccio di droga e detenzione e porto illegale di armi da fuoco. La presunta organizzazione criminale, insediata nel capoluogo brindisino e capeggiata da elementi di spicco della frangia locale della Sacra corona unita, avrebbe provveduto a smistare ingenti quantitativi di cocaina, hashish ed eroina albanese nelle province di Brindisi e Lecce, gestendo quasi in regime di monopolio il mercato di eroina, forte del potere di intimidazione in grado di esercitare anche nei confronti degli altri gruppi criminali operativi in città. In manette sono finiti: Mario Andriola, 52enne; Sandro Antonino, 29enne; Cosimo Carrisi, 34enne; Antonio Guzzo, 30enne; Giovanni Gerardi, 35enne; Tommaso Marsella, 39enne; Francesco Nardelli, 42enne, Umberto Perrucci, 42enne; Francesco Santonastasio, 60enne; Cosimo Schena, 39enne; Nicola Chirico, 42enne. Altre sette persone, ritenuti vicine alla Scu, sono indagate in stato di libertà per gli stessi reati. L'operazione è stata illustrata oggi alla presenza di Cataldo Motta, procuratore della Repubblica, ed è strettamente collegata all’operazione “Berat-Dia” che, nel 2007, portò all'arresto dei fratelli albanesi Lekli e di diversi brindisini, accusati di traffico di stupefacenti dall’Albania.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!