Ex Mercato, presto il bando

Gallipoli. Dopo i lavori di riqualificazione (4 milioni di euro) la struttura sarà di nuovo fruibile al pubblico e concessa in locazione

GALLIPOLI – L'ex mercato coperto sarà presto concessalo in locazione. Il Comune di Gallipoli ha infatti avviato le procedure per la pubblicazione di un bando ad evidenza pubblica con il quale concedere in locazione la struttura denominata situata all’ingresso del centro storico, dando così attuazione ad una recente deliberazione del commissario straordinario Mario Ciclosi. Il bene in questione è stato oggetto di un corposo intervento di ristrutturazione e di riqualificazione di circa 4 milioni di euro, finanziati dall’Accordo di Programma Quadro tra la Regione Puglia ed il Ministero dei Beni Culturali ed ora si prepara per essere nuovamente utilizzato. “Si tratta di un immobile di alto pregio culturale – ha commentato Ciclosi – che è stato ristrutturato con un importante investimento pubblico e che pertanto non può restare una cattedrale nel deserto o un’opera incompiuta, con grave danno per le finanze pubbliche. Va quindi messo in funzione, a servizio della collettività, utilizzando criteri di massima trasparenza. Inoltre, anche in questo caso, come in quello del mercato ittico all’ingrosso, la procedura consentirà alle casse comunali di avere annualmente entrate certe da inserire in bilancio e da utilizzare per i servizi e le necessità dei cittadini”. Tra le decisioni contenute nella delibera, vi sono anche la manutenzione straordinaria a carico del locatario, che dovrà mantenere costantemente in buono stato la struttura, mentre l’Amministrazione comunale potrà procedere ad ispezioni e verifiche in qualsiasi momento e , in caso di necessità, diffidare il locatario ad eseguire eventuali lavori di manutenzione. Inoltre il locatario non potrà realizzare alcun intervento senza l’autorizzazione comunale, sul confinante fabbricato del castello demaniale. A carico del locatario anche la polizza assicurativa a copertura di rischi incendio e rischi accessori. Infine il locatario dovrà consentire gratuitamente negli spazi interni alla struttura, lo svolgimento di almeno 15 eventi culturali o di spettacolo nel corso dell’anno, per un periodo di circa 45 giorni, a discrezione dell’Amministrazione comunale, da concordare preventivamente con il Comune.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!