L’opposizione: ‘Ponzetta si dimetta’

Ugento. In una lettera al prefetto si chiede di intervenire per favorire le dimissioni dell’assessore, indagato per truffa in concorso e falsità materiale

UGENTO – “L’assessore Antonio Ponzetta rimetta la propria carica nelle mani del sindaco”. E’ la richiesta dell’opposizione ugentina che nei giorni scorsi ha inviato una lettera al prefetto di Lecce Giuliana Perrotta affinché intervenga nella questione. La lettera è firmata dai segretari e rappresentanti politici del centro sinistra di Ugento e Gemini e precisamente da Fernando Fracasso (RC-FdS), Enzo Primiceri (Pd), Gianfranco Coppola (IdV) e Marco Colitti (PdCI-FdS). L’assessore all’Ambiente, Politiche per il Lavoro, Commercio, Protezione Civile e Pesca si dovrebbe dimettere, dicono i firmatari della nota, in quanto raggiunto nelle scorse settimane da un avviso di conclusione delle indagini preliminari, emesso dal sostituto procuratore Giovanni Gagliotta, per l’accusa di truffa in concorso e falsità materiale. I fatti cui le indagini si riferiscono risalgono al 2008 e al 2009, quando – così dice il pm – in occasione della Notte della Pizzica, manifestazione che si svolge a Ugento nella notte di Ferragosto, vennero realizzati parcheggi a pagamento dove non erano previsti, con relativa stampa dei tagliandi di parcheggio commissionati proprio da Ponzetta. L’assessore, allora, si dimetta dalla sua carica in Giunta mantenendo quella in Consiglio, chiede l’opposizione nella lettera al prefetto, affinché “possa difendersi dalle accuse a lui rivolte dalla Procura in maniera adeguata, senza che le vicende giudiziarie che lo vedono coinvolto ostacolino il normale svolgimento delle funzioni a lui stesso demandate dal sindaco. Riteniamo infatti che ciò giovi non soltanto alla tranquillità e alla serenità d’animo dell’assessore Antonio Ponzetta, ma all’intera comunità ugentina, vista l’importanza e la delicatezza di alcune materie e funzioni assessorili dallo stesso trattate”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!