Università popolare. Non si finisce mai di imparare

Casarano. Sono aperte le iscrizioni per l’anno accademico 2011-2012

CASARANO – Sono ufficialmente aperte le iscrizioni ai corsi per l’anno accademico 2011-2012 dell’Università popolare e della terza età di Casarano. Variegata e articolata l’offerta formativa proposta. Si va dai corsi di lingua (arabo, cinese, giapponese, greco moderno, griko, inglese di I e II livello, spagnolo, tedesco) ai corsi di scienze applicate (archeologia, grafologia, Lingua italiana dei segni, Pnl, criminologia), dai corsi sulle buone pratiche (patentino del proprietario di cane, sommelier, cucina salentina, nonno vigile, informatica per anziani) ad arti e hobby (canto corale, fotografia, narrazione a fumetti, pittura, tango argentino, T’hai Chi C’huan, tombolo). I corsi prevedono, a seconda della tipologia, dalle 20 alle 60 ore di lezione e saranno attivati al raggiungimento di un numero minimo di iscritti. “Dopo un silente ma serrato lavoro preparatorio – commenta il presidente Marco Mazzeo – diamo ufficialmente avvio alle attività dell’Università Popolare di Casarano, nella convinzione che quest’ultima possa incidere in modo positivo sul piano sociale e culturale della Città e del territorio. L’educazione continua, nell’ambito dell’apprendimento informale, rappresenta una risposta alle sfide lanciate dal mondo contemporaneo, i cui repentini cambiamenti richiedono l’acquisizione di competenze più che l’esibizione di certificazioni. Proprio per questo è auspicabile che l'Università diventi un catalizzatore delle necessità formative del tessuto produttivo cittadino e al contempo punto di riferimento per l'associazionismo, nell'intento di stimolare una partecipazione larga e fattiva del terzo settore”. Per ulteriori informazioni collegarsi al sito www.unipopcasarano.it oppure rivolgersi presso la sede di piazza Nazario Sauro a Casarano il lunedì e il mercoledì dalle 18.00 alle 19.30; oppure telefonare ai numeri 328 7490431 e 340 7369726.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!