Contadini per un giorno

Casarano. Coldiretti “ingaggia” 140 allievi della scuola elementare per raccogliere le olive presso l’azienda Sarcinella

CASARANO – Berretto giallo sgargiante, pantaloni, stivaletti e camicia da contadino: così abbigliati circa 140 bambini della scuola dell’infanzia “San Giovanni Elemosiniere” di Casarano si trasformeranno, oggi a partire dalle 12, in contadini versione 2011 e si dedicheranno alla raccolta delle olive nell’azienda agricola Salvatore Sarcinella, in agro di Ugento, contrada Sant’Anna. Uno spettacolo di colori, allegria e divertimento per un’esperienza didattica unica, organizzata con la regia di Coldiretti Lecce. I piccoli alunni, accompagnati dai docenti, saranno così protagonisti di una full immersion tra i profumi, l’atmosfera e le mansioni incalzanti di una vera azienda agricola. Il padrone di casa, Salvatore Sarcinella, imprenditore olivicolo ed ortofrutticolo, spiegherà ai giovanissimi “collaboratori” le varie fasi della raccolta delle olive, invitandoli a sperimentare la cernita delle olive cadute nella rete e ad assistere alla raccolta dall’albero con le moderne tecniche e attrezzature, necessarie per ottenere un prodotto di qualità. “Un modo per avvicinare i giovani ad un mondo affascinante e ricco di conoscenza e tradizioni come è appunto il mondo dell’olivicoltura salentina”, dicono da Coldiretti. Un’esperienza didattica per i piccoli, che li avvicinerà alla campagna ed alle sue meraviglie. Ma anche un tentativo di avvicinare le nuove generazioni all’economia agricola, l’unica a registrare nel Sud Italia una crescita occupazionale, e dunque un potenziale sbocco lavorativo per futuri imprenditori rurali. Dopo la raccolta, la brigata di baby agricoltori si trasferirà nell’Oleificio “San Francesco” per assistere alla molitura delle olive ed alla produzione di olio extravergine. Una giornata in cui sarà possibile assistere a tutte le fasi della filiera corta.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!