Colacem. Gli ambientalisti: Abusi accertati e non verbalizzati

Cutrofiano. Secondo il Forum Ambiente Salute, tecnici regionali e comunali non avrebbero comunicato gli illeciti per coprire responsabilità degli Uffici tecnici

CUTROFIANO – Il cementificio Colacem starebbe devastando il paesaggio rurale del Bosco Foresta di Cutrofiano con attività di cava oltre il limite autorizzato. Una violazione che sarebbe stata accertata da tecnici regionali e comunali che però non avrebbero prodotto i necessari verbali. La segnalazione arriva dall’associazione ambientalista salentina Forum Ambiente e salute. Secondo quanto riferiscono i membri dell’associazione, in seguito alle denunce dei comitati di cittadini, i tecnici del Comune di Cutrofiano e della Regione Puglia avrebbero effettuato dei sopralluoghi nella cave estrattive a servizio di Colacem, appurando un’atticvità abusiva da parte dell’azienda. Tuttavia, non avrebbero prodotto i necessari atti verbalizzanti l’attività di controllo dai quali sarebbe necessariamente emersa una condotta illecita. Ma quale interesse avrebbero avuto i funzionari ad omettere di documentare gli abusi? La risposta del Forum è semplice: l’avrebbero fatto “perché chi doveva controllare al tempo, ovvero gli Uffici tecnici comunali e regionali, obbligati dalla legge, non è stato ligio e solerte a farlo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!