Scuola. Ferilli: Qual è il piano di Perrone?

Lecce. La consigliera di Io Sud chiede come il Comune di Lecce intenda recepire le loinee guida regionali sul dimensionamento scolastico

LECCE – Come verrà recepito dal Comune di Lecce l’impulso alla razionalizzazione dei costi della scuola pubblica, previsto dalle linee guida sul dimensionamento scolastico approvato dalla Giunta regionale pugliese? La domanda è della consigliera comunale di Io Sud Maria Rosaria Ferilli, che sottolinea come diventino fondamentali le modalità attraverso le quali gli enti periferici dello Stato, a cominciare dai Comuni, sapranno rapportarsi alle nuove esigenze. Nelle Linee guida della Regione si precisa che devono essere soppresse o accorpate le scuole con meno di 500 alunni o con meno di 300 a fronte di una deroga motivata. Per il resto si individua nell'istituto comprensivo il modello di scuola cui tendere nel primo ciclo. Diversi sono i passaggi riferiti agli istituti professionali e tecnici. “Diventa davvero importante l’azione riorganizzatrice che deve essere in capo all’Amministrazione comunale – dice Ferilli – dal momento che la cittadinanza ha il diritto di conoscere in che modo e con quali dinamiche si svilupperà il percorso di accorpamento delle scuole di primo grado. La questione non è soltanto formale, bensì assolutamente sostanziale, poiché attiene alla scelta dei metodi, dei criteri, delle regole attraverso le quali si dovranno adottare le misure più idonee. È da ciò che scaturirà l’individuazione delle strutture interessate al dimensionamento; i tempi stringono, ma sul tavolo le proposte ancora non ci sono, anche se, da parte nostra, non manca la buona volontà per entrare nel merito delle questioni fornendo proposte e suggerimenti in quanto tecnici del settore”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!