In fiamme l’auto del sindaco

Acquarica del Capo. Potrebbe trattarsi solo di un episodio accidentale. Oggi alle 17 in Prefettura la riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza

ACQUARICA DEL CAPO – L’episodio potrebbe essere accidentale e per il momento i carabinieri propendono proprio per questa versione. Sta di fatto che, per cause ancora da accertare, attorno alle ore 00:40 della notte tra sabato e domenica, l’auto del sindaco Francesco Ferraro, un’Alfa 159 di colore scuro, è andata distrutta in un incendio. Le fiamme sono divampate partendo dal vano motore nel lato batteria e, il proprietario ha riferito che, l'aveva portata a far controllare di recente, in quanto una spia indicava continue anomalie al funzionamento del motore. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Presicce e Tricase ed in vigili del fuoco di Tricase. Ferraro ha sporto denuncia circostanziale ai carabinieri. “Mi auguro che sia stato solo un banale incidente, un semplice guasto tecnico – ha dichiarato il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone – con la sincera speranza che dietro all’ennesimo episodio di cronaca ai danni di un amministratore pubblico ‘di frontiera’ come un sindaco di un piccolo Comune non ci sia la mano violenta di qualcuno. Come ho già avuto modo di affermare con fermezza anche in questi ultimi giorni, sulla scia di analoghi episodi salentini, è il momento di stare accanto alle istituzioni e agli uomini che le rappresentano: i tanti episodi di violenza e le intimidazioni ai danni dei nostri amministratori sono segno di quanto il nostro Paese rischi nel concreto l’esasperazione di uno scontro sociale sempre più cruento”. Intanto oggi è stato convocato per le ore 17 in Prefettura il Comitato di ordine e sicurezza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!