Danni alle sede dei comunisti

Ugento. Un nuovo atto vandalico nei confronti della sezione del partito. Manomessa una finestra non ripresa dalle telecamere di sorveglianza

UGENTO – Un nuovo atto vandalico è stato portato a segno, nelle scorse ore, ai danni della sede del Partito dei comunisti italiani di Ugento. Il fatto è avvenuto presumibilmente nella notte tra il 25 ed il 26 ottobre, dal momento che è stato scoperto nella giornata del 26. Il vicesegretario del partito Luciano Bortone, infatti, nell’aprire una delle finestra della sezione, ha notato un segno di effrazione; la finestra interessata è lontana dalle videocamere di sorveglianza e dunque non rientra nel raggio di spazio che è possibile riprendere. Bortone ha subito avvisato il segretario Marco Colitti e il consigliere comunale Angelo Minenna con i quali hanno riferito i fatti ai carabinieri e poi, nella mattina di ieri, sporto denuncia per danneggiamento e tentato furto. “Dopo l’ennesimo gesto ai nostri danni – dice Bortone – che sia un atto vandalico o un tentativo di furto o la ricerca di qualche documento importante nei nostri archivi, è a rischio la pubblica sicurezza e l’agibilità democratica nella nostra città. Ci chiediamo – aggiunge – se non sia giunto il momento di trovare qualche ulteriore rimedio, oltre all’istallazione delle videocamere di sorveglianza, per rendere quanto meno più sicura l’intera città”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!