Osservatorio regionale rifiuti. Oggi l'insediamento

Bari. La cabina di regia servirà ad orientare la programmazione delle politiche ambientali della Regione

BARI – Prende il via l'attività istituzionale dell'Osservatorio Regionale Rifiuti della Regione Puglia. E’ infatti fissato per le ore 10.30 di oggi l'insediamento dell’Istituto presso la Sala Paesaggio dell'Assessorato regionale alla Qualità dell'Ambiente. L'Osservatorio è uno strumento a supporto delle attività della Regione Puglia nella raccolta ed elaborazione dei dati relativi alla gestione dei rifiuti urbani e speciali, pericolosi e non: dati che, condivisi tra tutti i soggetti che compongono l'Osservatorio, saranno fondamentali per l'orientamento della programmazione delle politiche ambientali. La collaborazione tra strutture regionali (Gestione dei rifiuti, Ecologia, Attività estrattive, Programmazione e gestione sanitaria, Attività economiche, Energia reti e infrastrutture per lo sviluppo, Agricoltura, Statistica, Bonifica e pianificazione) con Cnr-Irsa, Arpa, Ato, Anci, Upi, Province e associazionismo di settore ambientale e industriale all'interno dell'Osservatorio permette una visione di insieme della problematica favorendo l'uso delle migliori tecniche e pratiche per la raccolta, la prevenzione, la riduzione e il riutilizzo dei rifiuti. “Collaborazione e scambio tra istituzioni che, a vario titolo, si occupano della medesima problematica sono non solo auspicabili ma strumento essenziale perché non vi siano vuoti di programmazione e di gestione in ambito così delicato come quello dei rifiuti. L'avvio dei lavori dell'Osservatorio – dichiara Lorenzo Nicastro, assessore alla Qualità dell'Ambiente – è un momento importante per la nostra regione. Da questa cabina di regia privilegiata ci aspettiamo importanti indicazioni, vista anche la fase di studio e redazione del nuovo Piano sulla gestione dei rifiuti, perché le scelte di politica ambientale siano sempre più efficaci”. Ad avviare il lavori dell'Osservatorio, nella fase di insediamento, il dirigente del Servizio Ciclo dei Rifiuti e Bonifica.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!