Centro Ilma. Via ai lavori

Gallipoli. La gara è stata vinta dalla ditta Nicolì da Lequile. Il progetto (2 milioni) prevede Centro studi, auditorium, centro prevenzione ed hospice

GALLIPOLI – Il cantiere del Centro Ilma è ufficialmente partito. Si è infatti conclusa la gara d’appalto per l’assegnazione dei lavori di costruzione del 1° stralcio del Centro ed i lavori possono finalmente avere inizio. Alla gara hanno partecipato, facendo pervenire le proprie offerte, 12 imprese; tra queste la vincitrice è risultata la Nicolì Srl da Lequile. “La Lega italiana per la lotta ai tumori – di legge in una nota emanata dall’associazione – tiene a ringraziare pubblicamente gli architetti, gli ingegneri, i geometri e gli avvocati, che hanno volontariamente messo a disposizione la loro professionalità nella delicatissima fase di studio e vaglio delle offerte. Nel rigore tecnico più assoluto, ciò ha consentito di concludere questo importante passaggio, non facile per l’altissimo profilo di competenza riscontrato nelle proposte arrivate”. In tutto sono stati raccolti, per la causa, due milioni di euro; somme versate da semplici cittadini, malati (molti dei quali scomparsi), ex-malati e volontari delle tante sedi Lilt presenti nell’intera provincia. Non un euro, precisano dalla Lilt, proviene da sovvenzioni e finanziamenti pubblici, tutto è dovuto alle sole oblazioni. Il progetto prevede la creazione alle porte di Gallipoli di una vera e propria “cittadella” della prevenzione e riabilitazione, della ricerca e della solidarietà, denominata “Centro Ilma”, in memoria di una socia fondatrice scomparsa alcuni anni fa a causa di un cancro. Il progetto prevede per la prima volta la coesistenza, in un unico complesso, di un Centro Studi e Ricerche, con Biblioteca pubblica e strutture didattiche, di un Auditorium, di un Centro di prevenzione clinica e di riabilitazione del malato oncologico, e di un Hospice con 15 posti letto per malati terminali. Sul sito della Lilt Lecce (www.legatumorilecce.org) sarà possibile seguire d’ora in avanti le fasi dei lavori, mediante aggiornamenti costanti.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!