Nasce nel Salento l'uccello sahariano

Ruffano. Il luogo della schiusa dell’Ibis Sacro è il giardino faunistico “La Fazenda”, nel verde del Parco Paduli-Bosco Belvedere

RUFFANO – La nascita di un “Ibis Sacro” è un evento che è già scritto nel nome. E stavolta l'Africa subsahariana dove generalmente vive questo uccello, non c'entra. Il luogo della schiusa delle sue uova si trova nel Salento, precisamente nel Giardino faunistico “La Fazenda”, situato nel verde del Parco Paduli-Bosco Belvedere, a due passi dall’abitato di Torrepaduli-Ruffano. A dare la lieta notizia è il proprietario della struttura Rocco Colona insieme ad Antonio Rossi Casciaro, che raccontano quanto sia stato emozionante notare le affettuose e protettive cure della madre e del padre del nuovo Ibis Sacro, impegnati entrambi ad accudire e accompagnare nel mondo il loro discendente. Bianco con alcuni riflessi bluastri, con zampe, becco e coda nere, l’Ibis è rintracciabile in libertà anche in Iraq e fino a qualche tempo fa in Egitto, dove pare essersi estinto. Qui il dio “Thot”, in alcune pitture egiziane rinvenute nella tomba della Regina Nefertari, era raffigurato con la testa di Ibis Sacro, divinità della luna, sapienza, scrittura, magia, della matematica. Intanto, fra non molto a La Fazenda un altro uovo ritardatario si schiuderà e sarà ancora gioia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment