Sarà Peruzzo il fischietto di Lecce-Milan

Al Via del Mare di giocherà domenica alle ore 12.30 Lecce-Milan. I giallorossi si preparano all’arduo confronto con l’obiettivo di emulare alcuni favorevoli precedenti

Sebastiano Peruzzo di Schio sarà il fischietto che dirigerà l’anticipo domenicale tra Lecce e Milan in programma al Via del Mare per le ore 12.30. Il direttore di gara sarà assistito dai giudici di linea Bianchi e Ianello e dal quarto uomo Tagliavento. La designazione dell’arbitro vicentino per l’affascinante sfida, fa il paio con la gara dello scorso anno svoltasi a San Siro e finita col perentorio 4 – 0 per i rossoneri. Inoltre, il destino dell’uomo di Schio ha incrociato quello dei leccesi in altre sei occasioni dove i giallorossi hanno ottenuto 2 successi, 2 pari e 2 sconfitte. Se invece si sfoglia l’almanacco dei confronti disputati in casa dai salentini contro i campioni d’Italia, il Lecce scopre un bilancio da dimenticare a fronte del pesante passivo di 6 sconfitte 9 pareggi e l’unica vittoria di misura avvenuta l’1 aprile del 2004 con rete decisiva di Axel Cedric Konan. L’ultima gara che ha visto opposto il Lecce al Milan si è conclusa con il risultato di 1 – 1 al termine di una partita dove ad una prodezza dai 30 metri di Ibrahimovic rispose nei minuti finali Ruben Olivera dagli sviluppi di un calcio d’angolo. Un epilogo che rimembra il medesimo risultato del 13 novembre 2008 e il boato del Via del Mare al minuto 92, quando alla rete di Ronaldinho, arrivò l’insperato pareggio per merito del salentino doc Ciccio Esposito, abile a girare di testa un calcio piazzato battuto da Zanchetta. Il Lecce ha bisogno di rievocare questi eventi per esorcizzare “il Diavolo”e tentare di ripetere le storiche imprese.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment