Rubarono un’auto. Incastrati dalle telecamere

Ruffano. In arresto Alberto Vincenti e Gianluca Fiorito, entrambi con precedenti penali

RUFFANO – Sono finiti in manette su ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Lecce Carlo Cazzella, su richiesta della pm Elsa Valeria Mignone. Alberto Vincenti, 20enne e Gianluca Fiorito, 30enne, entrambi di Ruffano ed entrambi gravati da pregiudizi di polizia, sono accusati del furto di un’autovettura Lancia Y rubata ad Andrano lo scorso 10 settembre. Avrebbero approfittato del fatto che la proprietaria, una donna del posto, si era allontanata per alcuni istanti dalla propria macchina lasciandola temporaneamente incustodita.

Alberto Vincenti

Alberto Vincenti

Gianluca Fiorito

Gianluca Fiorito Resasi conto di quanto le era accaduto, la vittima chiamò i carabinieri della Compagnia di Tricase che sul posto inviarono la pattuglia della Stazione Carabinieri di Spongano. I militari intervenuti eseguirono un accurato sopralluogo del posto riuscendo ad individuare delle telecamere di sorveglianza che potevano essere utili al prosieguo delle indagini. Dall’analisi dei filmati emerse che due giovani, giunti ad Andrano a bordo di uno scooter, dopo pochi istanti, proprio nell’arco temporale in cui la Lancia Y era stata rubata, si erano allontanati dall’abitato uno sempre in sella al ciclomotore e l’altro, distanziato di quattro secondi, a bordo dell’autovettura asportata. In particolare Fiorito è stato identificato quale conducente dello scooter mentre Vincenti, nell’uomo che si allontanò alla guida della Y10.

Vincenti Fiorito riprese telecamere di sorveglianza
Vincenti Fiorito riprese telecamere di sorveglianza 2
Vincenti Fiorito riprese telecamere di sorveglianza 3

La Lancia Y fu poi rinvenuta dai militari della Stazione Carabinieri di Specchia regolarmente posteggiata a Montesano Salentino nei pressi di una farmacia ed a poca distanza dall’ufficio postale di quel Comune. All’interno della stessa vennero rinvenuti due passamontagna realizzati con delle maniche di maglioni. Le indagini proseguono per verificare se Vincenti e Fiorito abbiano rubato l’autovettura per commettere delle rapine o se il furto da loro commesso sia stato su “commissione” di chi materialmente aveva intenzione di compiere altri e più gravi reati contro il patrimonio. I due sono stati condotti presso il carcere di Borgo San Nicola.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!