In casa la centrale della droga. Preso spacciatore

Felline. In un armadio nascondeva sostanza stupefacente e tutto l’occorrente per il confezionamento delle dosi

FELLINE – Nella notte tra sabato e domenica, i Finanzieri della Tenenza di Casarano, dopo una prolungata e minuziosa attività di osservazione e pedinamento, hanno individuato ed arrestato, in flagranza di reato, A.S., un ventinovenne residente a Felline (frazione di Alli-ste), per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Da diversi giorni i militari monitoravano i movimenti e le abitudini dello spacciatore e ogni suo incontro con occasionali avventori che avvenivano presso il piazzale di una stazione di servizio del comune di Alliste. E proprio dopo uno di questi appuntamenti, in cui è stato possibile verificare l’acquisto della droga da parte di due “clienti”, i finanzieri hanno bloccato i due assuntori e lo spacciatore. La perquisizione dell’abitazione di quest’ultimo, eseguita con l’ausilio dell’unità antidroga “Tasky” ha consentito di rinvenire, ben nascosto in un armadio, e sequestrare, sostanza stupefacente ed attrezzatura varia per il confezionamento ed il taglio, il tutto contenuto in una cassetta metallica chiusa a chiave. Nel dettaglio i finanzieri hanno trovato 72,60 grammi circa di cocaina contenuta all’interno di due involucri in cellophane; 67,90 grammi circa di sostanza da taglio, probabilmente lat-tosio, contenuta all’interno di due involucri in cellophane; un panetto di circa 100 grammi di hashish; un bilancino di precisione; un paio di forbici ricurve utilizzate per il confezionamento della sostanza stupefacente; una busta di cellophane utilizzata per lo spaccio, con pezzi già ritagliati di forma circolare ed elastici utilizzati per il confezionamento di ogni singola dose di droga; la somma di denaro pari a 1.120 euro, provento dello spaccio, suddivisa in banconote di piccolo taglio. Lo spacciatore è stato arrestato ed i due assuntori, ventenni di Alliste e Melissano, sono stati segnalati al prefetto di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!