Cianfrusoteca. Non buttare, scambia

LA STORIA DELLA DOMENICA. Salice Salentino. L’utile ritorna utile. Basta barattarlo. Il luogo ideale per farlo è un’idea della Cianfrusocoop

SALICE SALENTINO – Chi non ha la casa piena di cianfrusaglie, si faccia avanti. Chi non ha riposto con cura e poi letteralmente dimenticato oggetti, ricordi di viaggi, souvenir acquistati chissà dove, faccia altrettanto. Chi invece si riconosce nel profilo del perfetto “accantonatore” secondo il quale lì per lì tutto è necessario e poi invece neanche si interessa più di quel che ha custodito per tanto tempo come fosse un tesoro, legga qui. Esiste, a Salice Salentino, un posto che si chiama Cianfrusoteca ed è fatto proprio per voi. Raccoglie cianfrusaglie, oggetti e beni di ogni tipo che conservano ancora un valore d’uso; beni che a qualcuno non servono più ma che ad altri farebbero comodo; alla Cianfrusoteca è possibile scambiare, donare e riusare oggetti senza spendere denaro. La mission della Cianfrusoteca è riassunta dallo slogan “l’inutile che ritorna utile”; una specie di servizio di eco-sostenibilità ambientale. La finalità del progetto è allungare la vita ad oggetti e beni usati per ridurne lo spreco di risorse naturali derivante da uno smaltimento precoce. La Cianfrusoteca non è un’attività economica ma può essere un concreto sostegno per molte famiglie nella logica secondo la quale “ogni euro risparmiato è un euro guadagnato”: il meccanismo non monetario che regola gli scambi serve per facilitare il flusso delle cose inutilizzate. Inoltre, ha una dimensione sociale in quanto in diversi casi interviene a sostegno delle fasce deboli donando i beni di prima necessità. Attualmente la casa delle cianfrusaglie si regge sul lavoro volontario dei suoi promotori che si impegnano a garantire un servizio al territorio e alla comunità. Il progetto, vincitore del Bando Principi Attivi e finanziato dalla Regione Puglia come una tra le idee più innovative per un futuro migliore, è stato pensato e realizzato dall’associazione Cianfrusocoop in collaborazione con il Comune di Salice Salentino. // Istruzioni per l’uso Cianfrusoteca funziona così. 1) Si porta un oggetto che si ritiene inutile.
 Tutti possono depositare, nello spazio espositivo, beni che ritengono “inutili o ingombranti” ottenendo in cambio o un bene dello stesso valore tra quelli presenti nella cianfrusoteca o un buono creditizio cumulabile e spendibile successivamente. 2) Si sceglie un oggetto che si ritiene utile.
 Tutte le “cianfrusaglie” hanno un valore creditizio e sono a disposizione dell’utenza: dall’abbigliamento agli accessori, dall’oggettistica d’arredamento ai giochi di società, dai libri alle borse e alle valigie per da viaggio. Tutto è disponibile e immediatamente fruibile. 3) Si scambiano oggetti senza usare il denaro. Lo scambio avviene con riferimento al valore creditizio dei beni valutato attraverso la definizione di una griglia preventivamente stabilita e suddivisa in categorie. Su una scheda personale (cianfrusocard) si tiene traccia delle transazioni annotando il totale del conto credito. Per una visita di persona, Cianfrusoteca si trova a Salice Salentino nell’area mercatale ed è aperta secondo i seguenti orari d’apertura: lunedì dalle 16:30 alle 19:00
; mercoledì dalle 16:30 alle 19:00
; venerdì dalle 9:30 alle 12:00. Maggiori info su www.cianfrusoteca.org. Sul sito si trova anche la Cianfrusovetrina, che raccoglie le immagini delle cianfrusaglie disponibili. Per fare una navigata prima di fare quattro salti di persona.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!