Dialogo di fotografia

Campi Salentina. A partire da fine ottobre quattro incontri sul tema della fotografia

Fotografia come Dialogo e Memoria. Queste le idee-chiave che saranno alla base del seminario intitolato “Dialogo di fotografia”, organizzato dall'Associazione di promozione sociale Meticcia in collaborazione con Gioia Perrone a Campi Salentina, in via Taranto 10, a partire da fine Ottobre. I temi del seminario saranno “La Fotografia ritrovata, L’album di famiglia e la cultura Kodak: racconto di una battaglia chiamata Memoria” nel primo incontro; “Lo sguardo delo straniero, Dallo sguardo coloniale a Diane Arbus : appunti su chi guarda e chi viene guardato” nel secondo incontro e “Perturbanze, breve analisi sull’inconscio fotografico e il perturbante in fotografia” nell'ultimo incontro. I 20 partecipanti (la partecipazione sarà a numero chiuso) saranno, come ci spiega la curatrice del progetto Gioia Perrone, parte attiva del “seminario partecipativo-laboratoriale itinerante, rivolto agli appassionati del mezzo fotografico e non solo, a chiunque voglia viaggiare attraverso lo scatto fotografico. Alcune esperienze nate o sviluppate sul web saranno spunti preziosi per diramare un dialogo su tematiche forti nella storia del mezzo fotografico come memoria, alterità, identità; semplicemente “Dialogo”, perché un dialogo si auspica di realizzare e far emergere dallo scambio di esperienze esistenziali dei partecipanti, legate in vari modi alla fotografia. E’ un occasione per spiare nelle pieghe della storia di questo straordinario mezzo, immergersi settimanalmente in un flusso di spunti, ma soprattutto scambiare con altri tracce delle nostre esperienze di chi ama scattare una fotografia o di chi le fotografie ama conservarle come tesori irrinunciabili, e non saprebbe spiegarne esattamente il perché”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!