Chicza. Le mille bolle bio

LA STORIA DELLA DOMENICA. La rivoluzione dei chewing-gum ha preso il via. Al Voice Cafè Vegan Bar di Campi Salentina è arrivata la gomma da masticare del futuro

Si chiama Chicza ed è un chewing-gum magico. Maya, vegan, biodegradabile al 100%, certificato “bio”e “senza glutine”, in soli 24 mesi ha ricevuto undici tra premi e riconoscimenti (sei in Italia e cinque a livello internazionale). E’ l'unico chewing-gum amico di sindaci ed assessori all'Ambiente perché non sporca, l'unico masticabile senza pericolo anche in gravidanza e in allattamento in quanto privo di aspartame. Chicza, il chewing-gum dal nome di un cartone animato è arrivato nel Salento e precisamente al Voice Cafè Vegan Bar di via Croce a Campi Salentina. La rivoluzione nel mondo salentino delle gomme da masticare è dunque ufficialmente partita. // Il chewing-gum magico e la sfida vinta Può un “piccolo” chewing-gum ricevere un “grande” plauso? Può un nuovo brand riscuotere successo in un mercato già saturo, senza scalfire e togliere clienti alla “concorrenza”? Queste domande rimbalzavano da tempo nella testa di Giulio Gino Di Giacomo, importatore di Chicza. Ed è stato così che in un mercato in cui l'oceano diventa rosso per la cannibalizzazione dei prodotti, dei prezzi e delle aziende si è recentemente affacciato Chicza, un magico caso commerciale e un dolce esempio di pensiero differente. “In questo cammino di porte sbattute in faccia, di odiose e scoccianti indifferenze e di realtà commerciali prive di elasticità mentale – dice Gino – ha vinto la testardaggine e la forte convinzione in un prodotto unico al mondo. Mi è bastato crederci”. Così è riuscito a vincere la scommessa e a portare Chicza in Italia, rivolgendo un pensiero al mondo bio, vegan, celiaco, al mondo abitato dagli ambientalisti e dai consumatori consapevoli. Ed anche il Salento ha dimostrato la sua sensibilità verso il nuovo prodotto: il Voice Cafè Vegan Bar di Campi Salentina ha accettato, accogliendo Chicza, di scommettere sul chewing-gum del futuro. A chi voglia entrare di diritto nei tempi moderni, non resta che masticare. // Com’è fatto Chicza La gomma base di Chicza, prima di diventare gomma da masticare, viene sciolta con cera naturale. Sapori ancora caldi si aggiungono con sciroppo d’agave biologico, indicato per il suo basso indice glicemico; poi la gomma viene compattata e formata in strisce da masticare. Un’importante innovazione di Chicza è la velocità con cui si biodegrada; bastano poche settimane perché diventi polvere. Per ora Chicza è disponibile in tre gusti: menta, cedro e menta verde. Ma sono previste a breve le “uscite” di frutta tropicale, cannella, erbe e spezie.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!