Donne, gratis a scuola di pc

Sogliano Cavour. L’iniziativa del Comune e della consigliera provinciale di Parità per promuovere il reinserimento lavorativo delle disoccupate

SOGLIANO CAVOUR – Promuovere l’uso del computer, favorire l’occupazione e il reinserimento lavorativo delle donne disoccupate. Questo l’intento dell’invito che l’assessorato alle Pari Opportunità e all’Innovazione Tecnologica del Comune di Sogliano Cavour, con l’apporto dell’Ufficio della consigliera di parità della Provincia di Lecce, ha rivolto alle donne dai 35 anni in su, occupate, disoccupate o inoccupate, preferibilmente residenti nel territorio comunale. A loro è rivolto il corso di alfabetizzazione informatica che sarà inaugurato alle ore 15 di oggi presso la sede della scuola primaria “Don Bosco”. Il corso, gratuito, si chiama proprio “@lfabetizzazione informatica per le donne”. Visto il numero di richieste pervenute al protocollo del Comune, la possibilità di partecipare al corso è stata estesa ad altre dieci allieve; a frequentare le lezioni di lingua saranno in tutto 25 corsiste, anziché 15. Il corso avrà la durata di 40 ore e si svolgerà presso il Laboratorio multimediale dell’Istituto Comprensivo di Sogliano Cavour. Si svolgeranno delle verifiche in itinere e, al termine del corso, sarà rilasciato a tutte le corsiste un attestato di frequenza. Alle mamme che frequentano il corso sarà fornito, all’interno dell’edificio stesso, un servizio gratuito di baby parking. Il “taglio del nastro” avverrà alla presenza della consigliera di parità della Provincia di Lecce Serenella Molendini, del sindaco del Comune di Sogliano Cavour Paolo Solito, dell’assessora alle Pari Opportunità e all’Innovazione Tecnologica del Comune di Sogliano Cavour Maria Grazia Manco e del dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo di Cutrofiano Saverio Cesari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!