A Carmiano, il Pon Sicurezza finanzia la legalità

Carmiano. Assegnati quasi 900mila euro. Il progetto “Oltre il giardino” prevede il recupero di immobili comunali per la realizzazione di un centro per i giovani

CARMIANO – C’è anche “Oltre il giardino”, proposto dal Comune di Carmiano, nella lista dei 12 progetti approvati, il 27 settembre scorso, dal Comitato di Valutazione del Pon Sicurezza, per le quattro regioni (Puglia, Campania, Sicilia e Calabria) dell’Obiettivo Convergenza 2007/ 2013. Le risorse stanziate dal Programma hanno superato i 14 milioni di euro. Di questi, 896mila sono stati destinati alla realizzazione della proposta avanzata dal piccolo Comune salentino. Il progetto, finanziato nell’ambito dell’Obiettivo 2.8 – “Diffondere la cultura della legalità” -, riguarda il recupero di immobili di proprietà comunale. Nello specifico, a Carmiano, come indicato sul sito del Ministero dell’Interno, sarà realizzato un centro polivalente di aggregazione e area attrezzata per i giovani. La Giunta comunale (con deliberazione del 19 settembre 2011) si era già necessariamente impegnata, in caso di finanziamento della proposta, “a sostenere i costi di manutenzione dell’impianto e di gestione delle attività” (spese non ammissibili) “per almeno 5 anni successivi alla conclusione” del progetto stesso. Rientrano nell’Obiettivo 2.8 anche i territori provinciali di Agrigento, Caltanissetta e Catania per la Sicilia e di Brindisi (“Progetto di recupero ex cinema Tanzarella” del Comune di Latiano con 1.192.600,00 euro, per la creazione di un centro polivalente destinato ai giovani) in Puglia. Sovvenzionata anche la proposta presentata dal Ministero della Giustizia per il recupero di alcune sale dell’antico tribunale di Castel Capuano a Napoli affinché diventi luogo simbolo della legalità. Del totale dei progetti ammessi a finanziamento, tre riguardano invece il recupero e il riutilizzo a fini sociali di beni confiscati alla criminalità organizzata (Obiettivo 2.5: “Migliorare la gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata”). Di questi, due si trovano in Sicilia e uno in Puglia (“Masseria Didattica Canali” di Mesagne con 1.454.070,19 euro) per la ristrutturazione, la riconversione e la valorizzazione di un fabbricato rurale in struttura didattica. Per il valore degli importi assegnati, al 27 settembre 2011, la Calabria (budget iniziale pari a 13.081.965,27 euro) è al primo posto con il 71%; seguono la Sicilia (29.294.813,76 euro) con il 63%, la Campania (27.070.238,84 euro) con il 55%, e infine la Puglia (22.099.275,13 euro) con il 47%. Quindi, il residuo da impegnare, al 27 settembre 2011, è pari al 29% in Calabria, 37% in Sicilia, 45% in Campania, e 53% in Puglia. Per il numero di progetti ammessi a finanziamento, la Sicilia è al primo posto (25), seconda la Puglia (12), poi la Campania (11) e, infine, la Calabria (6). Infine, per l’Obiettivo 2.1 (“Iniziative in materia di impatto migratorio”), un altro progetto prevede la realizzazione di un centro polifunzionale per favorire l’inserimento sociale e lavorativo degli immigrati extracomunitari regolari in provincia di Foggia (beneficiario il Comune di Lesina). Il sostegno economico è di 1.957.837,85 euro. Articolo correlato Fondi Pon: 22 milioni alla Puglia (10 agosto 2011)

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!