Turismo d’agosto. La Puglia seconda in Italia

Otto camere su dieci occupate. E l’assessora Godelli promuove il prodotto “Puglia per tutte le stagioni

Superando l’81% di camere occupate in agosto, la Puglia si pone al secondo posto in percentuale (dopo il solo Alto Adige) tra tutte le Regioni italiane. Un successo che ha fatto registrare una sempre più ampia presenza del turismo internazionale, che conferma il trend positivo del turismo degli ultimi anni e segnala le destinazioni pugliesi come particolarmente attrattive nel periodo di massima affluenza estiva. “Questo risultato premia gli sforzi congiunti della Regione e degli Enti Locali – ha commentato l’assessora regionale al ramo Silvia Godelli – nonché quelli degli operatori turistici, volti a valorizzare le eccellenze del nostro territorio e a integrarle in una logica di offerta completa, balneare, culturale, artistica, enogastronomica, paesaggistica. Stiamo lavorando alacremente per lanciare il prodotto ‘Puglia per tutte le stagioni’ nell’imminenza dei prossimi periodi turistici, il ponte di novembre e Natale, mentre abbiamo ancora oggi, a fine settembre, le città d’arte, le masserie e le spiagge strapiene di turisti, prevalentemente stranieri. E ci sono molte prenotazioni anche per ottobre”. Al fine di incrementare ulteriormente le presenze in Regione, la Puglia sta programmando la partecipazione a fiere internazionali. “Una promozione che andremo a sviluppare nelle città estere che hanno collegamenti aerei diretti con la Puglia e l’imminente realizzazione a Foggia della Bitrel, Borsa del turismo religioso – ha concluso l’assessora – saranno le utili occasioni che andremo a cogliere per promuovere il nostro territorio e consolidare i processi di destagionalizzazione che si sono ormai tangibilmente avviati”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment