Tiro a segno. Del Cuore campione italiano

Milano. Il successo al Campionato nazionale che si è tenuto dal 21 al 25 settembre

MILANO – Anche quest’anno il tiratore leccese Antonio Del Cuore è due volte campione italiano 2011. I titoli sono stati conseguiti nelle specialità Bersaglio Mobile a 10 metri Uomini e Bersaglio Mobile a corse miste Uomini del Campionato Italiano che ha avuto luogo presso il Poligono di tiro della Sezione del Tiro a Segno Nazionale di Milano, da mercoledì 21 a domenica 25 settembre scorsi. Del Cuore – duplice medaglia d’oro – su 8 qualificati al campionato, si è distinto nella gara di BM10 con il punteggio di 556 su 600, lasciando al secondo posto Giuseppe Pietropaolo del T.S.N. di Cava dei Tirreni con punti 548 e al terzo Diego Mola del T.S.N. di Napoli con 537; a seguire tiratori delle Sezioni di Milano, Treviso e Orvieto. Nella gara di BMM (corse miste), su 8 ammessi, ha conquistato il primo posto con il punteggio di 354 su 400, davanti a Diego Mola con punti 346 e a Angelo Mangiameli con punti 343, entrambi del T.S.N. di Napoli; a seguire tiratori delle Sezioni di Cava dei Tirreni, Milano, Treviso e Orvieto. Da tener presente che nelle classifiche nazionali di ammissione al campionato il nostro atleta si era classificato 2° nel BM10 e 4° nel BMM. A Del Cuore (già insignito di medaglia al valore atletico da parte del C.O.N.I. Nazionale) e al Presidente della Sezione T.S.N. di Lecce Francesco Tommasi, sono pervenuti messaggi augurali da parte del mondo sportivo e non, tra cui quelli del Delegato Provinciale dell’Unione Italiana Tiro a Segno e Presidente della Sezione T.S.N. di Alezio, Claudio Stanca: “Conosco Antonio da oltre vent’anni e ho sempre sostenuto che è un campione, la punta di diamante della Sezione T.S.N. di Lecce. In passato ha anche partecipato ai Campionati Europei e ha vinto numerosi titoli e medaglie. Con la sua riconferma a Campione Italiano 2011 (lo è stato anche nel 2010), ha decretato un successo non solo suo ma anche della Sezione di appartenenza, che lo ha seguito ed incentivato sin dall’inizio del suo percorso sportivo”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!