Carabinieri, cambio al vertice. Lombardi comandante

Lecce. Oggi il saluto commosso di Salvo Gagliano, che lascia il Salento dopo tre anni di attività

LECCE – “La stampa è la cultura dell’antimafia, un supporto fondamentale per promuovere la legalità nel territorio e contrastare la criminalità attraverso il consenso sociale”. E’ racchiuso in queste parole, pronunciate con un pizzico di commozione in quella che è stata la conferenza stampa di saluto, il pensiero e parte della grande missione svolta negli ultimi tre anni dal colonnello Salvo Gagliano, che nei prossimi giorni lascerà il comando del Reparto operativo dei carabinieri di Lecce per assumere il prestigioso incarico di comandante provinciale dell’Arma a Ragusa. Tre anni vissuti in prima linea quelli trascorsi da Gagliano nel Salento, unendo alla professionalità e al rigore dell’ufficiale le componenti di grande umanità e brillante investigatore che ne hanno contraddistinto la carriera. Un triennio costellato di operazioni importanti (basti ricordare l’operazione “Shylock” nella lotta al fenomeno dell’usura o“Little devil” contro il traffico di droga) che hanno saputo cambiare il volto della provincia, ottenendo risultati importanti nella lotta alla criminalità e a fenomeni endemici e distruttivi come usura, racket, droga e infiltrazioni mafiose. E’ stato il colonnello Maurizio Ferla, comandante provinciale del capoluogo salentino, a salutare Gagliano e a porre l’accento sull’importanza e la delicatezza del nuovo mandato: “Si tratta di un incarico delicatissimo, in una provincia come quella di Ragusa che nel passato ha svolto un ruolo essenziale nella guerra tra cosa nostra e i cosiddetti stiddari. Una provincia ricca, in cui il colonnello Gagliano saprà svolgere un ottimo lavoro a vantaggio della comunità e della legalità”. Il comandante Ferla ha poi introdotto il nuovo ufficiale a capo del Reparto operativo dei carabinieri di Lecce, il maggiore Saverio Lombardi. Originario della provincia di Bari, 45 anni, sposato con due figli, Lombardi torna in Puglia dopo 25 anni trascorsi in giro per l’Italia, tra Calabria, Abruzzo, Lazio e Sicilia. Negli ultimi anni il neo comandante ha prestato servizio presso la scuola ufficiali dei carabinieri a Roma. “Ricevo una difficile eredità – ha dichiarato Lombardi ai tanti giornalisti presenti –, ma c’è da parte mia tanta voglia di far bene e continuare il lavoro svolto dal mio predecessore. Il primo impegno è quello di conoscere la realtà locale e tracciare un quadro generale della provincia”. Nel corso dell’incontro sono state presentate altre tre nuove figure in servizio all’interno del comando provinciale dell’Arma: il nuovo comandante della compagnia di Casarano, il capitano Aniello Mattera (che prende il posto del capitano Dario Vigliotta, trasferito alla compagnia di Brindisi) ed il tenente Alessio Perlorca, al quale spetterà il compito di dirigere il Nucleo radiomobile di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment