Lecce-Porto Cesareo. Al via i lavori

Porto Cesareo. Oggi la posa della prima pietra da parte del presidente Antonio Gabellone. Lavori conclusi entro dicembre

PORTO CESAREO – La prima pietra c’è. L'ha posata stamattina il presidente della Provincia Antonio Gabellone. E già oggi avranno inizio i lavori. Obiettivo: mettere in sicurezza entro dicembre la strada provinciale Lecce-Porto Cesareo, troppo spesso scenario di incidenti stradali anche molto gravi. Il più grave, in ordine di tempo, quello dello scorso 20 agosto, nel quale ha perso la vita la turista bolognese Anna Innorta. L’intervento è ispirato al concetto di messa in sicurezza dell’esistente collegamento tra Lecce e Porto Cesareo attraverso le SS.PP. 7, 21 e 119. Il progetto prevede la realizzazione di sei rotatorie e di rami di complanare lungo la S.P. 21 Leverano–Porto Cesareo, nei pressi della località Pittuini, interessato da molteplici immissioni sulla provinciale da proprietà private. Le rotatorie da realizzare, tutte situate lungo le SS.PP. 119 e 21, saranno collocate all’intersezione con la Provinciale per Arnesano e per Monteroni; all’intersezione con la Provinciale Copertino–Carmiano; all’intersezione con la Nuova Circonvallazione di Leverano nei pressi della Masseria Torricelle; all’intersezione Itinerario con la Nuova Circonvallazione di Leverano, nei pressi della Masseria Albaro; all’intersezione con le complanari previste in località Pittuini; e all’intersezione con le complanari in prossimità dello svincolo per Avetrana. Le rotatorie, ad esclusione della prima, da realizzarsi in ambito pressoché urbano, hanno diametri complessivi di circa 60 metri. Saranno tutte dotate di impianto di illuminazione con torre faro di altezza di 15 metri. L’intervento, completamente finanziato con somme Cipe 03/2006, ha un costo complessivo di 4 milioni di euro di cui 2.658.991,41 euro per lavori a base d’asta, 66.474,79 euro per oneri per la sicurezza ed 1.274.533,80 euro per somme a disposizione. A seguito di gara d’appalto, i lavori sono stati affidati all’Ati Magno Antonio da Copertino + Sud Segnal s.r.l. da Galatone, per un importo netto per lavori pari ad 1.471.060,41 euro, pari ad un ribasso d’asta del 44,676%. La durata contrattuale per l’esecuzione del lavori è pari a 600 giorni. 14 settembre 2011 ‘Strada della morte’. 4 milioni per la sicurezza PORTO CESAREO – 4 milioni di euro e l’adeguamento tanto atteso e non più rimandabile della Porto Cesareo-Lecce sarà realtà. Rinascerà infatti, a partire da oggi, la provinciale che tocca Porto Cesareo ed i Comuni di Arnesano, Nardò, Leverano, Monteroni, Copertino, Carmiano e garantirà più sicurezza, maggiore fluidità nel traffico veicolare, minore intasamenti d’auto verso l’interno dei paesi. La prima pietra, che darà il via ufficiale ai lavori di adeguamento, sarà posata alle ore 11 dal presidente della Provincia Antonio Gabellone. Parteciperanno all’inaugurazione l’assessore provinciale ai Lavori pubblici Massimo Como, ed i sindaci di Porto Cesareo, Salvatore Albano, Copertino, Giuseppe Rosafio, Monteroni, Lino Guido, Nardò, Marcello Risi, Leverano, Cosimo Durante, Arnesano, Giovanni Madaro, e Carmiano, Giancarlo Mazzotta. Dopo i numerosi episodi che sono tornati a macchiarla di sangue quest’estate – quello più clamoroso è stato l’incidente nel quale ha perso la vita Anna Innorta, la turista bolognese di 23 anni travolta e uccisa da un'auto il 20 agosto scorso – un intervento di sistemazione della strada non era più procrastinabile. E nei vertici in Prefettura che sono seguiti alla tragedia, ai quali ha preso parte anche il sottosegretario all’Interno Alfredo Mantovano, le istituzioni si erano date il termine di fine settembre per i lavori più urgenti e di dicembre per una messa in sicurezza più complessiva. “Da subito – aveva dichiarato Mantovano – saranno installati dissuasori di velocità, più illuminazione e una protezione per i pedoni ai lati della strada. Entro dicembre tutto il resto, compresa la realizzazione del marciapiede”. Articoli correlati: Strada della morte. 'Lavori entro settembre' Turista travolta uccisa da un'auto pirata

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!