Imprenditore ed evasore totale ‘pizzicato’ dalla Finanza

Casarano. Nei quattro anni di attività la sua azienda di infissi non aveva mai presentato dichiarazione dei redditi

CASARANO – Era totalmente sconosciuto al fisco eppure la sua attività procedeva regolarmente. I finanzieri della Tenenza di Casarano, nell’ambito dell’azione di contrasto all’economia sommersa, hanno scoperto un imprenditore 35enne del Sud Salento nel settore della produzione di infissi in ferro ed alluminio che non aveva mai presentato, per gli anni dal 2005 al 2008, alcuna dichiarazione, sia ai fini dell’Iva che delle imposte sui redditi. Già nella prima fase degli accertamenti è emerso che la ditta verificata non aveva istituito alcuna scrittura cronologica, limitandosi a conservare qualche fattura d’acquisto e di vendita, senza provvedere alla loro registrazione e ai conseguenti obblighi di liquidazione e versamento dell’imposta. I finanzieri, però, sono riusciti a risalire e ad analizzare anche tutti i rapporti commerciali intrattenuti dall’imprenditore con i propri clienti e fornitori, anche attraverso l’utilizzo e la consultazione di apposite banche dati del Sistema Informativo in uso al Corpo oltre che attraverso l’analisi della documentazione acquisita agli atti della prima verifica. Le Fiamme Gialle hanno così accertato ricavi non dichiarati pari a circa 170mila euro, Iva non dichiarata o non versata per circa 70mila euro e l’omesso versamento dell’imposta regionale sulle attività produttive (Irap) da calcolare su una base imponibile di circa 170mila euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment