Guida turistica in QR Code

Otranto. Basterà puntare il telefonino su uno dei codici per avere informazioni su luoghi e storia

OTRANTO – La città di Otranto da oggi “parla” ai suoi visitatori. Uno speciale progetto innovativo della Hydrusa.com, in collaborazione con il Comune di Otranto e l’assessorato al Turismo del Comune di Otranto, ha permesso di creare un percorso interattivo in città. I Qr code sono nuovi codici leggibili da tutti i telefonini di ultima generazione e dai tablet quali l’iPad. Nato da un’idea di Elio Paiano, il sistema fornisce indicazioni multilingue e multimediali sui monumenti e su ciascuna località otrantina, generando un percorso di guida interattiva per il visitatore. Ci sono semplici messaggi di testo, che non necessitano neanche della connessione ad internet, che forniscono notizie sui luoghi ed i monumenti, e poi ci sono video, sistemi per riconoscere le specie di flora e fauna presenti, indicazioni sulle coordinate geografiche ed anche rimandi letterari. Si tratta di una guida artistico-culturale gratuita ed accessibile a tutti, la prima in Italia, una delle prime al mondo. “Il progetto è nato grazie alle nuove possibilità offerte dalla tassa di soggiorno – spiega il sindaco Luciano Cariddi -, un progetto che stiamo sviluppando per creare una serie di servizi innovativi per i nostri ospiti facendo comprendere le potenzialità di sviluppo del nostro territorio”. Una possibilità nuova, con i monumenti che “parlano” al visitatore, del quale l’assessore al Turismo del Comune di Otranto, Antonio Schito, va particolarmente fiero: “Credo che le nuove tecnologie potranno creare opportunità completamente nuove di fruizione del territorio. L’esempio di questo progetto, unico in Italia, è una dimostrazione pratica di queste nuove possibilità”. Basta puntare il proprio telefonino su uno dei codici per avere una serie di informazioni sui luoghi, sulla loro storia e su ciò che avviene intorno. Il progetto verrà ufficialmente presentato stamattina alle 11.00, presso il Comune di Otranto. Alla presentazione seguirà una dimostrazione pratica per le vie del centro cittadino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment