Palazzo Carafa vende tutto

Il Comune di Lecce ha autorizzato la vendita dei primi immobili inseriti nel piano di alienazione votato lo scorso luglio. Introito stimato: 5 milioni di euro

Sotto il sole estivo, la giunta comunale di Lecce, guidata da Paolo Perrone, ha dato il via libera all'alienazione del primo gruppo di immobili inseriti nel Piano delle alienazioni stilato fra maggio e giugno scorso e approvato il 5 di luglio. L'ammontare complessivo delle vendite e delle concessoni autorizzate è di 4 milioni e 898 mila euro, certamente utili a rimpolpare le esigue casse di Palazzo Carafa. Si comincia con un immobile a San Cataldo, all'altezza della traversa per piazzale Adriano. Valore stimato: 78 mila euro. Sono destinati ad essere dati in concessione, invece, due immobili in via Scotellaro, del valore di 400 mila e 747 mila euro rispettivamente. Saranno invece vendute due strutture che si trovano fra via Carelli e via Cosenza del valore di circa 700 mila euro ciascuno. Meno economicamente fruttuosa la vendita di un immobile in via lodi e di un'area verde sulla litoranea per Spiaggiabella: il primo vale infatti 15 mila euro, mentre per il secondo il valore sale a 200 mila euro. In vendita anche un immobile in piazzale sondrio, a 28 mila euro e altri piccoli immobili che si trovano sulla Lecce-Maglie allo svincolo per Cavallino; a Casalabate e a Lecce, fra via Roggerone e via Varese o, ancora, sulla strada provinciale di Cavallino. Del gruppo di area verdi o palazzine destinate alla vendita ci sono anche un immobile del valore di 120 mila euro situato sulla strada vicinale di piazzale Cuneo e un altro in vendita a 40 mila euro in via Pistoia. Palazzo Carafa vende gli uffici pubblici in via Braccio Martello per un costo di 2 milioni e 200 mila euro, un appartamento da 300 mila in via degli Ammirati, un appartamento in via Palmieri da 200 mila euro, due fabbricati commerciali in viale della Repubblica del valore di 200 mila euro e un immobile a Santa Cesarea Terme da 675 mila euro. Infine, ciliegina sulla torta che il Comune di Lecce offre per fare cassa, una ex stazione di monta equina in via lequile: sarà venduta a 290 mila euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment