Select your Top Menu from wp menus

Lo stato dell’arte. La Biennale in un catalogo

Lecce. Il volume, presentato ieri, racchiude le 63 opere esposte all’ex Convento dei Teatini per la Biennale di Venezia

LECCE – Si chiama “Lo stato dell’arte” ed è il catalogo delle opere esposte nella Sezione Puglia/Lecce del Padiglione Italia della 53esima Biennale di Venezia. Una iniziativa resa possibile grazie all'impegno economico dell'Editrice Salentina e di Vestas. Il catalogo, presentato ieri alla presenza del sindaco di Lecce Paolo Perrone, edito in 2000 copie da Editrice Salentina, si presenta in un agile formato. Può contare su 96 pagine e sui testi introduttivi del sindaco Paolo Perrone e dell'assessore alla Cultura Massimo Alfarano, oltre che dei critici d’arte Vittorio Sgarbi e Toti Carpentieri. Vi trovano spazio alcune immagini a colori a doppia pagina dell'allestimento e delle opere esposte e la riproduzione a colori (una per pagina) delle 63 opere presenti nell'ex Convento dei Teatini a Lecce. “Ringrazio il sindaco per aver accettato questa sfida – ha affermato il critico d’arte Toti Carpentieri -. E’ la dimostrazione che Lecce può vincere la battaglia per diventare capitale della cultura solo se si fanno proposte culturali serie”. “Non ho sentito alcun brusio di fondo, come talvolta accade – ha aggiunto il dirigente del settore cultura del Comune di Lecce, Nicola Elia -. E’ il segno che abbiamo lavorato bene offrendo un evento di grande qualità”. Grande soddisfazione è stata espressa da Perrone. “Possiamo dire di aver vinto una sfida: siamo riusciti ad offrire una proposta culturale all’altezza. Non è stato facile perché Lecce è cresciuta tantissimo nel corso degli ultimi dieci-15 anni: questa città non è solo dei leccesi, ma è soprattutto dei numerosi turisti che ogni anno vengono a visitarla. Non possiamo permetterci di deludere le loro aspettative”. “Questo evento – ha concluso Perrone – è servito ad avvicinare i nostri concittadini al mondo dell’arte: è questo il valore più significativo che testimonia l’accrescimento del patrimonio culturale della nostra comunità. Ed è stato importante anche perché è riuscito a creare un network ideale tra i tanti artisti salentini che hanno preso parte alla mostra”.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!