Select your Top Menu from wp menus

Vandali buttano giù due auto dalla scogliera

Sulla litoranea adriatica, alcuni balordi hanno deciso di divertirsi facendo finire in mare le auto di due ragazzi

Chissà cosa avranno pensato i due “burloni” – vandali ancora impuniti – che hanno spinto le auto in mare. Una Lancia Y e una Toyota Corolla sono finite, infatti, giù dalla scogliera che costeggia la provinciale San Cataldo – San Foca. Proprietari delle auto, una commessa ventunenne di Galatina e uno studente suo coetaneo di Cavallino. Entrambi trascorrevano la serata in uno dei tanti locali che animano le notti sull'Adriatico. Come centinaia di loro coetanei. Nessuno però ha visto i balordi in azione, mentre spingevano le due macchine giù da un dirupo di dieci metri. E nemmeno quando, proprio per spingere, hanno dovuto rompere i cristalli delle due auto e mettere le marce in folle, togliendo il freno a mano. La commessa e lo studente sono stati colti dal panico all'uscita dal locale, non trovando le loro auto; sensazione alla quale sono seguite la sorpresa e la rabbia della successiva scoperta, del danno subito per via della noia e dello sballo, probabile, di qualche giovane irresponsabile. Sul posto, sono intervenuti i carabinieri della stazione di Melendugno, dipendenti dalla compagnia di Lecce, gli agenti di polizia municipale, e i vigili del fuoco, impegnati nel recuperare le due auto, ribaltate e adagiate sul fondale basso. Per le operazioni di recupero, è stato necessario in particolare l’intervento degli specialisti del nucleo Saf. Alcuni operatori si sono calati dalla roccia, per agganciare i mezzi ad un gru condotta appositamente dal comando provinciale di viale Grassi. I militari, intanto, indagano per cercare di capire chi possano essere i responsabili dell'atto vandalico.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!