Nuovo decreto, la Puglia perde 200 milioni

Nuovo decreto emergenziale: si fanno già i conti sui tagli preparando le proposte di modifica

Con il decreto emergenziale da 45 miliardi di euro varato dal Governo, la Puglia perderà circa 200 milioni di euro.

E se, secondo i governatori dalle Alpi alla Sicilia, i tagli si abbatteranno sui servizi essenziali per i cittadini, a partire dal trasporto pubblico, e vanificherà ogni tentativo, sebbene maldestro, di federalismo fiscale, per la nostra Regione si sono levate forti e chiare le voci dell'assessore Marida Dentamaro – presente ai tavoli romani con l'esecutivo – e del presidente Nichi Vendola. Il decreto è “un atto di guerra contro l’Italia. Misure punitive per gli Enti locali, devastante riduzione di servizi sociali e di diritti, un colpo alla civiltà del lavoro. E nessuna scelta per la crescita e lo sviluppo. Occorre una reazione durissima”. Che dovrà concretizzarsi all'atto della discussione parlamentare del decreto, niente affatto blindato e quindi emendabile. Le Regioni, compresa la Puglia, stanno già preparando le loro proposte di modifica. Da Viale Capruzzi, non si nasconde un certo allarme per i fondi destinati al dissesto idrogeologico: 110 milioni di euro già dati per acquisiti con l’Accordo di programma inserito nel Fas nazionale e destinati a ben 63 progetti già incardinati negli appalti comunali. Si tratta di fondi e interventi destinati a rendere sicuro il territorio pugliese laddove non lo è, destinati cioè alla sicurezza delle persone; ecco perché la Puglia ne ha chiesto “con urgenza” l'assegnazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment