Scia di polemiche sulla Lupiae Servizi

Non si placano le accuse nei confronti della Lupiae Servizi. Il PD attacca il direttore generale Pietro Scrimieri

E' ancora vento di polemica quello che soffia sulla municipalizzata del Comune, la Lupiae servizi. Il Direttore Generale della società Pietro Scrimieri, infatti, ha convocato per oggi i rappresentanti dei Giovani Democratici e dei movimenti giovanili di UDC, Io Sud e Regione Salento per “illustrare” si legge nella convocazione “i regolamenti interni in materia di reclutamento e selezione, e più in generale le politiche ed i progetti aziendali in favore dei giovani del territorio”. A pensar male si fa peccato, diceva anni fa il Divo Giulio, ma in genere ci si azzecca. Ed è proprio sull'onda di questa riflessione che interviene il Partito Democratico a segnalare la singolarità dell'iniziativa di Scrimieri. “Al direttore e all'amministrazione comunale, azionista unico della società, – scrive il gruppo Pd – ribadiamo che non sarà sicuramente un incontro riservato a diradare la fitta coltre di opacità che avvolge la procedura scelta per le assunzioni temporanee, in sostituzione dei dipendenti in ferie”. Coltre che, in tempo di crisi economica, con migliaia di giovani alla ricerca di un impiego, non fa certo onore all'Ente comunale. “Suggeriamo al Direttore Scrimieri e al Sindaco Perrone, piuttosto, – proseguono dal partito di Bersani – di cogliere l'esempio virtuoso in materia di trasparenza che giunge dalla Fiera del Levante di Bari”. Nel capoluogo di Regione, infatti, le assunzioni temporanee per la campionaria di settembre saranno fatte tramite la pubblicazione di un bando, che assegnerà i posti di lavoro sulla base di un sorteggio pubblico. E non a caso, subito dopo l'affissione del bando, c'è stato un vero e proprio boom di domande in poche ore, “la migliore misura”, secondo il Pd leccese, “della drammatica situazione lavorativa attuale e, al contempo, della fiducia che il tipo di procedura scelta trasmette ad una platea giovanile che tutte le ricerche statistiche indicano come normalmente 'scoraggiata'”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!